in

Formula 1, la Williams perde il suo main sponsor: sarà fallimento?

Fonte immagine: Wikipedia Commons

In un 2020 già abbastanza turbolento per la Formula 1, la cui stagione di fatto non è mai partita visto che l’ondata di Coronavirus su scala mondiale si è scatenata poco prima dello svolgimento dell’inaugurale gara in Australia, arrivano ancora notizie poco incoraggianti. In particolare, le ultime riguardano uno dei team storici del Circus delle quattro ruote, ovvero la Williams.

La storica scuderia inglese, in queste ore, si è separata dallo sponsor che ne aveva accompagnato le ultime stagioni. Stiamo parlando di Tokit, i cui vertici hanno deciso di interrompere il rapporto di partnership con la Williams. Si dice che alla base di questa decisione ci siano gli scarsi risultati delle ultime due stagioni, in cui è arrivato solo un podio con il giovane canadese Lance Stroll nel Gran Premio dell’Azerbaigian del 2018.

Inoltre, il fatto che finora non sia stata disputata alcuna gara ha portato un grosso danno di immagine alla società, che ha dunque deciso di investire altrove. E per la Williams questo è davvero un brutto colpo, dato che l’azienda ha fatto i conti con un calo di produzione per 14 milioni e mezzo di euro e rischia seriamente di dover chiudere i battenti nel settore del Motorsport.

Per il momento si sta pensando alla possibilità di far arrivare capitali da nuovi papabili acquirenti, che per ora non si vedono. Potrebbe chiudersi dunque la storia di una scuderia che ha avuto tra le sue fila grandi campioni, ottenendo 7 titoli di campione del mondo piloti e 9 tra i costruttori.

Francesco Cammuca

Fonte immagine: Wikipedia Commons