in

Warzone, un segnale decriptato riporta “I MOSTRI SONO REALI”

Warzone share hibet social

Warzone Mostri – Continuiamo a parlare dell’imminente evento del 27 Aprile, che dovrebbe introdurre su Warzone un nuovo entusiasmante crossover!

Come abbiamo già discusso in un precedente update (che troverete qui), sembra quasi “confermato” lo sbarco su Caldera di Godzilla, o comunque di un qualche altro tipo di mostro pronto a scatenare il panico nel bel mezzo del pacifico.

Al momento sono appunto Godzilla e King Kong i due “indiziati” ideali, visto soprattutto il tipo di file che i leaker ed i dataminer hanno scovato negli ultimi mesi su Warzone.

Il chiarissimo ruggito che si può udire nel teaser del 13 Aprile, e le urla disperate dei soldati nazisti colpiti da questa “presenza” sono molto più che dei semplici “teaser”… Sono delle prove certe che qualcosa di molto grosso sta per imbattersi nelle sessioni di gioco del BR.

Ad ulteriore conferma di questo, pochi minuti fa è stato decriptato un easter egg degli sviluppatori che non lascia più spazio ad alcun dubbio.

L’indizio nascosto nell’easter egg: arrivano i mostri su Warzone

Stiamo parlando di una traccia audio molto specifica che si può udire nella parte finale del video. Questo segnale (che potrete ascoltare cliccando qui) è stato decifrato da HeckinBrandon con il programma Audacity, che ha poi mostrato il risultato su Twitter.

Ecco cosa viene fuori una volta analizzato il segnale audio:

Fonte: Twitter

Monsters are real” ovvero “i mostri sono reali“… Molto più che un semplice easter egg, piuttosto un vero e proprio indizio rispetto al fatto che i leaker ci hanno visto bene. I “mostri” (significativo il fatto che sia riportato al plurale…) stanno effettivamente per arrivare su Caldera

Resta solo da capire con estrema certezza chi o cosa saranno questi nuovi incubi da affrontare sull’isola del Pacifico

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Se volete seguire altre notizie sul mondo degli E-Sports cliccate QUI.

A cura di: Powned