in

Bobo Vieri su Baggio: la scoperta di una campione umile.

Il breve racconto di un aneddoto sui mondiali in Francia.

bobo vieri baggio share hibet social
Fonte immagine: Instagram

Da guardare giocare in campo il proprio idolo ad avere la possibilità di giocarci insieme è un sogno di molti ragazzi e ragazze e se è una situazione che si avvera l’incredulità resta sempre tanta.

“Quando sono arrivato dall’Australia andavo a Firenze per vedere Baggio giocare, spendevo diecimila lire, era una cosa impressionante a guardarlo. Poi otto anni dopo mi trovo al Mondiale assieme a lui in Francia. Ha segnato tantissimi gol in Coppa Italia, nel ‘90 ci ha portato in semifinale, quattro anni dopo in finale. Umanamente era silenzioso, tranquillo, molto disponibile. Una volta durante una partitella sbagliò a passarmi una palla e mi chiese scusa, per me era una cosa irreale che si scusasse con me. Poi l’assist che mi fece contro il Cile è qualcosa di emozionante, è stato semplicemente perfetto”.

Inserzione: Il libro di Gianni Minà su Diego Armando Maradona.

Sono queste le parole di Christian Vieri, che in diretta su Bobotv si è soffermato a parlare di Roberto Baggio, nello specifico si è voluto concentrare su un aneddoto che riguarda il Mondiale di Francia, facendo trasparire un enorme incredulità e gratitudine verso Baggio ed il suo modo di essere, un campione umile, un uomo dalle mille risorse, tra cui anche il rispetto e la gentilezza verso tutti, forte di tante capacità e di un nome che non ha sfruttato mai per approfittare degli altri.

Nonostante “il divin codino” sia lontano dal calcio giocato da anni, si continua a parlare di lui, proprio come si fa dei grandi personaggi della storia e, senza dubbio, nel calcio, lui la storia l’ha fatta!

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram