in

Vi serve una macchina? Vettel vende le sue Ferrari.

Con il passaggio all’Aston Martin, il pilota tedesco ha deciso di mettere in vendita dei modelli, alcuni dei quali già venduti in pochissime ore.

vettel_ferrari
Fonte Immagine: Instagram

Sono 8 i modelli che Sebastian Vettel ha deciso di mettere in vendita, tutti appartenenti alla sua collezione privata. Con il passaggio dalla scuderia di Maranello all’Aston Martin, il pilota ha deciso di sbarazzarsi di alcuni modelli importanti e rari e di metterli in vendita, senza molte difficoltà.

Sono modelli targati Ferrari, fiammanti, ma tra questi risuona anche il nome di Mercedes e Bmw, nello specifico: Ferrari F50 del 1996, Ferrari 458 Speciali, Ferrari Enzo da 660 cavalli, una F12TDF del 2016 di giallo brillante e LaFerrari con appena 490 km percorsi e con tanto di personalizzazioni e incisioni del suo nome e il cavallino sul poggiatesta.

Una vendita inaspettata 

Quello che però si chiedono tutti è il perché di questo gesto. Effettivamente si tratta di macchine da collezione, pezzi unici e rari e per un collezionista come lui, l’unica spiegazione potrebbe essere quella di voler dare un taglio netto e deciso con il passato, per cui quale miglior modo se non quello di mettere in vendita presso la società Tom Hartley Jnr questi magnifici esemplari.

A questi si aggiungono anche la Mercedes Sls Amg “Gullwing” e L65 Amg “Black Series” con soli 30 km, ed infine una Bmw Z8 Roadster. Nonostante si tratti di cifre da capogiro, alcune di queste macchine sono state vendute nel giro di poche ore, probabilmente da altri grandi intenditori nel settore.

Niente paura però, nel suo garage restano ancora pezzi unici che risalgono alle sue esperienze in Ferrari e che resteranno per sempre indelebili.

Se volete seguire altre noti|e sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte Immagine: Instagram

Sommario
Vi serve una macchina? Vettel vende le sue Ferrari.
Titolo
Vi serve una macchina? Vettel vende le sue Ferrari.
Descrizione
Vettel passa all’Aston Martin e vende otto esemplari dell’era Ferrari, ma non solo, ci sono anche Mercedes e Bmw.
Autore