in

Il pessimo tempismo dell’annuncio di Vettel in Aston Martin

Fonte immagine: Wikipedia Commons

Si sta consumando in questi giorni un altro weekend particolarmente tribolato per la Ferrari e per Sebastian Vettel. Il pilota tedesco, ormai, non riesce più a performare come vorrebbe alla guida della Rossa di Maranello. E persino in un altro Gran Premio di casa come quello del Mugello, dopo il disastro avvenuto nel weekend precedente di Monza, le cose continuano ad andare male per uno che è stato capace di vincere ben quattro titoli mondiali.

La parabola della storia di Vettel e la Ferrari sta prendendo una piega che nessuno avrebbe mai voluto vedere. Nonostante il fatto che la fine della storia d’amore, iniziata ormai cinque anni fa tra l’ex Red Bull e la scuderia del Cavallino Rampante, fosse cosa ormai nota dalla ripresa della strana stagione di Formula Uno. Era già risaputo che Seb non sarebbe rimasto in Ferrari, visto che nel frattempo è stato annunciato l’arrivo dello spagnolo Carlos Sainz.

Ma ad aggiungere un altro capitolo, probabilmente quello finale, ci hanno pensato i vertici della Aston Martin. La scuderia che rinascerà dalle “ceneri” della Racing Point, finita nell’occhio del ciclone per via di una clamorosa “somiglianza” con la Mercedes dello scorso campionato, ha annunciato in primis la fine del contratto con il pilota messicano Sergio Perez. Per poi far sapere al mondo intero che il suo nuovo pilota sarà proprio Sebastian Vettel.

Un annuncio importante, che in pochi si aspettavano in un primo momento, anche se il comunicato sull’interruzione del rapporto con Perez aveva già fatto capire qualcosa. Tuttavia, c’è chi sostiene – e con buone ragioni – che dare l’annuncio della firma di Vettel nel bel mezzo di un weekend di gare non sia stata proprio una buona idea. A maggior ragione in un momento terribile per la Ferrari e per il pilota tedesco, per giunta mentre si corre in Italia.

Per carità, la stagione 2020 è senza dubbio il più grande flop nella carriera ultradecennale di Vettel, oltre a essere la peggior stagione per la Ferrari dai tempi degli esordi di Michael Schumacher. Ma in questo modo si mina la credibilità di soggetti come lo stesso pilota tedesco – che del fenomeno di Kerpen avrebbe dovuto essere l’erede in Rosso – oltre che della scuderia italiana. Anche se, alla fine, ognuno deve tirare acqua al proprio mulino.

E che le cose si siano complicate fino a rompersi definitivamente, lo si è capito fin dalle prime dichiarazioni rilasciate da Vettel in vista della prima gara stagionale. Già in Austria, infatti, Seb sembrava aver chiaramente tirato i remi in barca. Le cose andavano già male, ma l’atteggiamento poco costruttivo del quattro volte campione del mondo ha ulteriormente aggravato le cose.

E ora ci si prepara a una separazione, che almeno sul piano mediatico non è stata brutta. Ma senza dubbio, si poteva chiudere in maniera migliore.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Wikipedia Commons

Francesco Cammuca

Sommario
Il pessimo tempismo dell'annuncio di Vettel in Aston Martin
Titolo
Il pessimo tempismo dell'annuncio di Vettel in Aston Martin
Descrizione
L’Aston Martin ha fatto sapere che il suo nuovo pilota sarà Sebastian Vettel, pessimo tempismo per l’annuncio, considerato cisa sta accadendo in casa Ferrari.
Autore