in

Underwater: il documentario su Federica Pellegrini.

Tra le vittorie, anche paure ed emozioni forti della regina del nuoto.

underwater share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @kikkafede88

“Per 2 anni ho aperto le porte della mia vita, del mio cuore, della mia vasca, ad una telecamera, quella di Sara Ristori” afferma Federica Pellegrini, che entusiasta ha annunciato l’uscita del suo docufilm “Underwater”, per parlare della sua vita, sia dentro che fuori la piscina.

Oltre le medaglie e le vittorie, le Olimpiadi conquistate, anche quelle di Tokyo 2020, ci sono altri lati fatti di emozioni, di paure, di sentimenti e coraggio ed è questo che si è visto al cinema il 10, 11 e 12 gennaio.

Un bellissimo docufilm in cui si è parlato della Divina, come donna e come nuotatrice: 53 medaglie internazionali, delle quali 6 ori ai Mondiali e 7 agli Europei, ma c’è tanto altro. La sua carriera in tv, come modella, poi l’arrivo dell’amore con il suo Matteo Giunta, nonché anche allenatore, che l’ha seguita dopo la dolorosissima scomparsa di Alberto Castagnetti.

Tutta la sua storia è stata raccontata sulle note di Samuel: un compositore e cantautore raffinato e moderno, frontman e co-fondatore dei Subsonica.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @kikkafede88