in

Tuchel rimette a posto il Chelsea: gestione dei grandi campioni e… scarpini al microonde!

L’arrivo dell’ex PSG ha dato equilibrio ai londinesi, portando con sé anche qualche piccolo trucco

tuchel_Chelsea_campioni
Fonte immagine: Instagram

Ci ha messo un po’ Tuchel a prendere in mano il Chelsea. Da quando si è seduto sulla panchina del club londinese, che era crollato a metà classifica nonostante una campagna acquisti da oltre 200 milioni di euro (che in piena pandemia è qualcosa di veramente stratosferico), i risultati stanno pian piano arrivando.

Sistemata la difesa che ora prende decisamente meno gol (è la seconda di Premier dopo il City), l’ex allenatore del PSG ha dato però anche equilibrio ai tanti nomi illustri della rosa, specialmente in attacco dove sono tanti a doversi accomodare in panchina di volta in volta (gestione sempre molto difficile con campioni di alto livello, ma che Tuchel aveva già ampiamente mostrato di saper giostrare in quel di Parigi).

La forza di gestire i grandi nomi

Havertz e Timo Werner arrivati dalla Bundesliga non certo per fare le seconde scelte, ma tra infortuni e problemi tattici, rimasti in ombra. Ziyech che faceva faville all’Ajax (e che qua invece arranca). Giroud da quasi epurato a pedina fondamentale. E poi Kantè, Emerson, Alonso, Abraham (la giovane rivelazione dello scorso anno che si è trovato però con una competizione fortissima in attacco).

Gerarchie da ritrovare, certezza da consolidare e nuove idee da inculcare. Insomma Tuchel ha dovuto fare una mezza rivoluzione in squadra, tenendo a bada gli animi di tutti questi caratteri così diversi (ma certo poco predisposti a mettersi da parte). E a quanto pare, forse ce l’ha fatta.

I trucchi di Tuchel

Grande merito quindi al timone dei blues, che certo ha rimesso la barra a dritta e offerto un obiettivo comune da portare avanti. Ma in questi giorni è uscita anche una notizia più curiosa riguardo alcuni metodi che coinvolgono proprio lo spogliatoio del Chelsea.

Oltre a formare caratteri e tenere a bada gli animi dei calciatori infatti, c’è molta attenzione anche sui materiali di gioco, componente sempre più fondamentale per questi professionisti che viaggiano sul limite dei dettagli tecnici. Gli scarpini per esempio, sono uno strumento di primaria importanza per garantire sensibilità a quei piedi magici che domano il pallone a loro piacimento.

Ecco allora che il “trucco” della squadra di Tuchel è qualcosa che forse non si vede molto spesso: mettere gli scarpini al microonde prima di utilizzarli.

Questo metodo assai poco canonico, nasconde in realtà un ragionamento più che logico che parte proprio dai materiali usati. Gli scarpini moderni infatti, hanno da tempo abbandonato il look dei laccetti legati stretti intorno al piede, ma sono fatti di materiali stringenti che calzano perfettamente al piede dei calciatori (peraltro ognuno con le sue caratteristiche speciali). Mettere gli scarpini nel microonde prima di indossarli, ammorbidisce e scalda questo materiale, che calza così a pennello in maniera più immediata durante la classica vestizione. Raffreddandosi torna leggermente più rigido, garantendo una ulteriore stabilità e aderenza con il piede.

Ora, non sarà certo solo per merito di questo trucchetto che il Chelsea ha cominciato a macinare punti, ma certo rende bene l’idea di quanto anche nei piccoli dettagli, si costruiscano le vittorie.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram

Sommario
Tuchel rimette a posto il Chelsea: gestione dei grandi campioni e... scarpini al microonde!
Titolo
Tuchel rimette a posto il Chelsea: gestione dei grandi campioni e... scarpini al microonde!
Descrizione
Tuchel rimette a posto il Chelsea: gestione dei grandi campioni e... scarpini al microonde! L'arrivo dell'ex PSG ha dato equilibrio ai londinesi, portando con sé anche qualche piccolo trucco
Autore