in

Tour De France 2020: mai più miss, è sessista

tour de france 2020 - novità
Fonte immagine: *letourdefrance

Tra 8 giorni partirà il Tour De France 2020. Pochi giorni fa è stata ufficializzata una notizia alquanto clamorosa, ovvero la mancata partecipazione di Froome e Thomas, estromessi dalla gara dal Team Ineos per le scarse prestazioni dimostrate ultimamente.

Un’altra novità recentissima riguarda la premiazione. Sul podio non ci sarà più la coppia di bellissime miss ma una donna ed un uomo. La svolta è stata provocata da una petizione di donne che hanno raccolto 38.000 firme, considerando la pratica come “sessista”.

Così il direttore Christian Prudhomme ha annunciato le novità della premiazione.

In Francia quel che conta è vincere. Quindi che il bacio provenga da una donna o da un uomo non dovrebbe importare ai corridori. D’altra parte è qualcosa di positivo a sostegno della parità di genere.

Ci auguriamo che questi tipi di stereotipi possano cadere, almeno nello sport.

Il Tour De France 2020 inizierà in un clima abbastanza teso per via del Covid. Per questo il sindaco di Nizza, prima tappa della gara, ha informato che l’uso della mascherina è obbligatorio su tutto il territorio di Nizza.

Per la presenza del pubblico durante l’evento sarà disponibile una superficie di 3800 metri quadrati per un massimo di 1750 persone. Le sedie saranno fissate al suolo e adeguatamente distanziate.

Il direttore della Grande Boucle ha comunicato le nuove strette: «Non avremo più il foglio firma e chiaramente sarà proibito chiedere autografi e selfie ai campioni. I corridori saranno obbligati a portare la mascherina fino a pochi minuti prima della partenza e anche il pubblico la dovrà portare. Distribuiremo mascherine e gel disinfettante e dagli addetti passeranno tra il pubblico per ricordarne l’importanza».

E sulla premiazione: «La consegna delle maglie di leader avverrà alle spalle del podio, da un addetto della squadra e una volta sul podio nessuno si avvicinerà eccessivamente ai corridori».

Per altre news, clicca qui.

Fonte immagine: *letourdefrance