in

Totti: “Il numero 10 non esiste più, Real Madrid mio punto debole”

Fonte immagine: Profilo Instagram @francescototti

Francesco Totti è stato protagonista di una lunga intervista per il quotidiano spagnolo Marca. Il suo amore per lo sport praticato fin da bambino non si è ancora spento. Nonostante lo stile di gioco non sia più quello di una volta: “In generale il calcio mi è sempre piaciuto, anche se è evidente che adesso è un gioco diverso dal mio. Ai nostri tempi c’era più spirito di gruppo, di lotta. Adesso si pensa di più al proprio fisico”.

L’ex capitano della Roma ha parlato proprio del numero 10, il suo numero. Un ruolo e un modo di giocare a calcio che sembra ormai non esistere più. E anche l’importanza e la sacralità di questo numero sembrano non far parte di questo mondo: “Forse prima era più importante il numero 10 in una squadra. Non dico che si sia estinto, ma il 10 ormai è quasi un numero come gli altri, senza più tanta rilevanza nella squadra”.

Totti e le sirene del Real Madrid

Durante l’intervista, non poteva mancare un riferimento di Totti al Real Madrid. Una squadra che lo ha sempre attratto e che ha anche provato a portarlo via da Roma: “Il Real mi è sempre piaciuto, fin da quando ero piccolo. Quando ero ragazzino a Roma guardavo tutte le loro partite. In quel periodo era il club che mi ispirava, con tutti i suoi grandi giocatori. Vederli giocare è stata una grandissima emozione. Per lo spirito, lo stadio, la gente, l’insieme ti faceva tifare Real Madrid”.

Anche perchè uno stadio come il Santiago Bernabeu di Madrid ti resta nel cuore. Anche se ti chiami Francesco Totti e ne hai viste di tutti i colori: “In 25 anni di stadi ne ho girati, ma il fascino del ‘Bernabeu’ era significativo, ti metteva un po’ in soggezione. Perez l’ho incontrato svariate volte. L’unico neo della sua carriera è non avermi potuto avere al Real Madrid, è stato il suo punto debole”.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @francescototti

blog hibet