in

Toto Wolff vende alcune delle sue macchine di lusso

L’intenzione è di passare all’elettrico

toto wolff macchine di lusso share hibet social
Fonte immagine: Twitter

Il mondo della Formula 1 è fatto di tanti e grandi ritrovati tecnologici di grandissimo valore. Sappiamo bene quanto lavoro ci sia dietro e anche quanto denaro venga investito da chi gestisce le dieci scuderie che prendono parte al Mondiale ogni anno. Questo vuol dire anche dare sfogo anche a una serie di ritrovati che dimostrano quanto sia cresciuto e si sia evoluto il mondo del motorsport in questi anni.

 

Eppure tra alcuni protagonisti di questo mondo incredibile si sta assistendo a una vera e propria svolta. Non mancano infatti gli interpreti del circus della Formula 1 che hanno deciso di vendere alcuni dei pezzi pregiati del proprio garage. Non si tratta di necessità di fare cassa attraverso la vendita di auto di lusso, ma di una questione che potrebbe sfociare anche su un piano un po’ più etico e umano.

Toto vende

Ce ne siamo accorti con Sebastian Vettel e Lance Stroll, che quest’anno sono compagni di squadra in Aston Martin. Ma c’è un altro personaggio molto in vista della Formula 1 che ha deciso di mettere in vendita alcuni pezzi pregiati. Stiamo parlando di Toto Wolff, il team principal nonché azionista della Mercedes che ha deciso di mettere all’asta tre pezzi: una Ferrari Enzo del 2003, LaFerrari Aperta acquistata nel 2018, e una Mercedes SL65 AMG Black Series del 2009.

 

Leggi anche...  Toto Wolff ci riprova: “Red Bull più veloce della Mercedes”

 

La spiegazione data da Wolff per questa scelta è decisamente nobile: “La motivazione che mi ha portato a separarmi da queste auto è semplice: non ho più tempo per poter guidare queste vetture, e non credo che sarebbe piacevole vedermi andare in giro con una Ferrari anche se è un brand fantastico. Non ho potuto guidare queste vetture da parecchio tempo, e inoltre ho deciso anche io di passare ai modelli elettrici prodotti da Mercedes”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter