in

Totò Schillaci si dà al rap: “Una canzone per ricordare Italia ‘90”

Fonte immagine: Flickr

Vi ricordate di Totò Schillaci? Il minuto e sgusciante attaccante palermitano che ha fatto sognare un Paese intero durante i Mondiali che abbiamo giocato a casa nostra 30 anni fa? Quella edizione della Coppa del Mondo, che ricordiamo con affetto e nostalgia con l’appellativo di Italia ‘90, ora fa parte di una canzone che è stata eseguita qualche giorno fa. E il suo performer è stato proprio il buon Totò.

 

Lo ha raccontato l’ex attaccante, che fece tanti gol con le maglie di Juventus e Inter a inizio Anni Novanta prima di andare in Giappone. In una piazza di Acicastello, pittoresca cittadina in provincia di Catania, Schillaci ha eseguito il brano rap “Gli anni negli anni”, composta dal cantautore romagnolo Mario Fucili. Una canzone che fa rivivere proprio quel mondiale per lui magico, ma amaro per la Nazionale.

 

Il brano è un resoconto vorticoso delle emozioni provate proprio negli anni del Mondiale – racconta Totò Schillaci – . Ho condiviso le mie idee con un cantante vero. Io mi limito a parlare. Lui, Mario Fucili, lo chiama rap. Per me sono parole frutto di un’esperienza indimenticabile, quella vissuta sui campi”.

 

Di quel Mondiale, Totò ricorda in particolare gli attimi prima del suo esordio contro l’Austria. E quel gol liberatorio, per lui e per tutto il Paese: “A trent’anni esatti da Italia 90 ricordo ogni istante, ogni emozione di quell’avventura. Tutto il pubblico era con me perché spingeva un ragazzo arrivato dalla gavetta e catapultato in campo dal ct Vicini. A metà del secondo tempo Italia-Austria era ancora inchiodata sullo 0-0. Entrai in campo e segnai di testa anticipando due difensori. Cosa ho pensato in quel momento? Ho corso e non volevo più fermarmi. Ho liberato così la mia tensione“.

Fonte immagine: Flickr

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello sport cliccate QUI.

Francesco Cammuca

Francesco Cammuca

Scritto da Francesco Cammuca

Giornalista, 30 anni di vita all'insegna dello sport, tra ciò che si vede in campo e quel che lo circonda.