in

Star Wars ispira alcuni ricercatori a creare una pelle artificiale per le protesi

– Ecco come la fantascienza diventa realtà – Un gruppo di ricercatori dell’Università nazionale di Singapore ha sviluppato una “pelle elettronica” in grado di ricreare il senso del tatto. Il tutto ispirandosi a Star Wars!

I ricercatori impegnati in tale progetto, spiegano come il loro obiettivo sia proprio quello di permettere alle persone dotate di protesi di toccare un oggetto e sentirne la consistenza. Non solo, riconoscere la temperatura e persino provare dolore.

Lo strumento ha già un nome: ACES (acronimo di Asynchronous Coded Electronic Skin), ed è composto da cento piccoli sensori capace di processare informazioni più velocemente del sistema nervoso umano. E riconoscere dai 20 ai 30 tipi diversi di materiali.

Gli umani devono far scivolare le dita per riconoscere il materiale degli oggetti. Ma in questo caso la pelle ci riesce con un solo tocco”, ha commentato il responsabile della squadra di ricercatori Benjamin Tee.

Come Star Wars ha ispirato la scienza

Proprio Benjamin Tee ha anche dichiarato che l’idea è nata da una scena della trilogia di Star Wars. Quella in cui Luke Skywalker perde la mano destra e ne usa una robotica. Pur mantenendo la capacità sensoriale del tatto. La tecnologia è ancora in fase sperimentale, ma Tee spiega che c’è un “estremo interesse” da parte della comunità medica per i risultati di queste ricerche.

Oltre tutto, Tee insieme ai suoi collaboratori, stanno anche lavorando ad un prototipo di pelle capace di rigenerarsi da sola qualora dovesse “tagliarsi”. Insomma, questo progetto nel suo insieme, potrebbe rappresentare un gigantesco progresso in ambito medico e tecnologico.

Community, voi cosa ne pensate? Siamo curiosi di conoscere le vostre opinioni quindi fatecelo sapere nei commenti e continuate, come sempre, a seguirci!

Se volete seguire altre  notizie sul mondo degli E-Sports cliccate QUI.

A cura di: Powned

Powned.it

Scritto da Powned.it

Powned.it è un portale web dedicato al mondo dei videogiochi ed alle nuove attività agonistiche elettroniche conosciute come “Esport”.