in

Spende tutti i risparmi di famiglia in donazioni per i suoi idoli di Fortnite su Twitch!

Fonte immagine: Pixabay

C’è sempre un confine sottile tra passione e follia, tra un sano divertimento e un ossessione che diventa patologica. Ecco allora che quando un diciassettenne entra in possesso del bancomat dei genitori con i risparmi di famiglia, e in poco tempo li disperde tra donazioni e abbonamenti per i suoi idoli di Fortnite durante gli streaming su Twitch, qualcosa come 17 mila euro, si è ampiamente oltrepassata la soglia.

E 17 è un numero che ritorna spesso in questa storia, perchè sono anche i giorni passati dal ragazzo prima di esaurire il conto e prima che i genitori si accorgessero del fatto. In verità la madre stessa ha spiegato in qualche modo come quel bancomat fosse in origine scollegato dal conto principale (doveva servire solo per le piccole spese del ragazzo), ma deve essere riuscito a creare un collegamento e utilizzare l’intero ammontare dei risparmi.

“La sua conoscenza di internet è nettamente migliore della mia” avrebbe poi aggiunto il genitore. A beneficiare di questo denaro sarebbero quindi i vari streamer di Fortnite, da “Tfue” a Gorb” o “Ewokttc”, ormai famosi come star nel mondo degli eSports.

Difficile a questo punto che si possa tornare in possesso del denaro, a meno di una denuncia diretta al figlio cosa che ovviamente non è nelle intenzioni. L’estremo tentativo è di contattare direttamente Amazon e Twitch, visto che non sono certo i primi a sollevare perplessità sulla facilità dei pagamenti nella piattaforma. Ma le speranze sono davvero al lumicino, anche perchè questo tipo di transazioni sono non solo più che legittime, ma sono anche la base di molti dei guadagni degli stessi streamer.

Se volete seguire altre notizie sul mondo degli E-Sports cliccate QUI.

Fonte immagine: Pixabay

Cristian Lag

Scritto da Cristian Lag

Hibet.social è un portale di informazione che tratta argomenti di attualità, curiosità, articoli divertenti e virali relativi al mondo dello sport, del casinò e molto altro ancora.