in

Sistema ANTI-SMURF su Valorant, i dettagli della manovra di Riot per contrastare questa piaga

Valorant share hibet social

Addio agli SMURF su Valorant – Con l’arrivo del nuovo anno è arrivato finalmente il momento di cambiare qualcosa oltre al calendario. Riuscirà la manovra di Riot Games a fermare (o almeno diminuire in maniera decisa) questa piaga purulenta che affligge il gioco ormai da troppi mesi?

A chi non sarà capitato almeno una volta di incontrare nelle proprie lobby quel giocatore avversario che in quattro e quattr’otto fa tabula rasa della vostra squadra e magari se la ride anche in chat?

Tra poco, tutto questo POTREBBE accadere solo magari durante un game su cinquanta giocati, o forse anche di più. Ecco dunque il piano che Riot sta mettendo in piedi.

Valorant, SMURF diminuiti nelle lobby del 17%, ma Riot vuole migliorare il dato

Innanzitutto gli sviluppatori hanno aperto il loro più recente “blog-post” con un messaggio volto a rincuorare i giocatori, annunciando che il sistema di “rilevamento automatizzato degli smurf” sta funzionando bene su Valorant e che dall’inizio dell’anno questi account secondari sono diminuiti di oltre il 17%.

Un dato sicuramente incoraggiante che gli sviluppatori considerano essere una diretta conseguenza della rimozione dei gruppi da quattro e dell’aggiunta, per i gruppi da 5, di entrare in competitiva insieme senza restrizioni di rank. Ma cosa succederà in futuro? Ce lo spiegano i Devs in chiusura:

“È possibile notare una riduzione complessiva nel numero di account secondari; in particolare, la riduzione maggiore è successa al lancio delle varie iniziative menzionate prima.

Ma non abbiamo ancora finito! C’è ancora del lavoro da fare (in parte continuativo). Questo include:

  • Ulteriori miglioramenti/aggiunte al nostro metodo di rilevamento degli smurf, così da poter identificare e contrastare rapidamente gli smurf
  • Impegno continuo nel rilevare e contrastare il boosting, la condivisione di account e la compravendita di account, che vanno contro i nostri termini di servizio e sono spesso associati ad account secondari. In questo caso non possiamo condividere troppe informazioni (poiché rivelare come identifichiamo questi comportamenti comprometterebbe il sistema di rilevamento stesso), ma ci stiamo lavorando
  • Ulteriori modi per i giocatori a vari livelli di abilità di giocare a VALORANT competitivamente assieme. Recentemente abbiamo annunciato l’Alpha test di Premier, un sistema competitivo di VALORANT ad alto rischio basato sui team. Speriamo che questi sistemi forniscano più modi di giocare assieme agli utenti senza sentire il bisogno di creare account secondari”

Insomma, che ne pensate? Giusto così? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento in community!

Se volete seguire altre notizie sul mondo degli E-Sports cliccate QUI.

A cura di: Powned