in

Simone Fontecchio: “Deluso da Utah, darò tutto a Detroit”

Fonte immagine: Profilo Instagram @simofonte_

Simone Fontecchio ha esordito con la sua nuova squadra, i Detroit Pistons. Un debutto non facile, anche perchè deve inserirsi ancora bene a livello di schemi: “Qualche gioco lo sapevo, ma è stato più campetto. È anche molto divertente. Sono contento perché comunque mi hanno dato tanta fiducia, mi hanno fatto giocare tanto. Era quello che speravo dopo la trade, quindi sono contento. Chiaramente era molto meglio vincere la partita, però è un bel gruppo e secondo me si può fare bene”.

L’azzurro è arrivato nella Motor City dagli Utah Jazz. Una mossa che lo ha deluso ma non del tutto spiazzato: “”Un po’ sapevo che ci poteva essere qualcosa, essendo un contratto in scadenza. Però quando poi succede ti coglie sempre comunque di sorpresa. Non è facile da accettare, soprattutto se sei una persona che ha una famiglia e le tue scelte lavorative coinvolgono altre persone. Non è sempre semplice. Poi ci siamo rimboccati le mani, sia io che mia moglie. Sono andato ieri a Detroit, ho fatto tutte le visite. Poi ieri sera sono arrivato qua a Los Angeles per giocare”.

Fontecchio e il cambio di casacca

L’avventura di Simone Fontecchio ai Detroit Pistons è iniziata all’insegna della bella accoglienza ricevuta dai suoi nuovi compagni di squadra: “Sono tutti super accoglienti. Sono felice di giocare con un playmaker come Cade Cunningham, perché è veramente un signor giocatore. Anche lui mi ha accolto subito a braccia aperte, mi ha aiutato dal primo momento. Anche lo staff tecnico ha cercato di darmi i concetti più semplici possibili per cercare di stare in campo in maniera naturale, cercando di stare tranquillo”.

Il leader della Nazionale italiana di basket si aspetta che questo non diventi un turning point negativo della sua esperienza dall’altra parte dell’Oceano: “Chiaro che mi devo guadagnare tutto, come sempre. Sono qui anche per questo. Il mio futuro sono convinto che potrà essere in NBA. Spero e immagino con Detroit, ma vedremo cosa succederà nei prossimi mesi. La NBA è un mondo un po’ imprevedibile, ma sono contento della loro fiducia e sono qua per ripagarla”.

Fonte immagine: Profilo Instagram @simofonte_

blog hibet