in

Santiago Cañizares e i capelli biondo platino.

Fedele alla sua chioma anche a 52 anni.

Cañizares share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @santicanizares

Santiago Cañizares era un grandissimo portiere che ha perso la testa per i capelli biondo platino.

Molti calciatori sono soliti giocare con la loro chioma, trasformandosi costantemente e facendo colpi di testa, ma poi ritornano all’origine.

Santiago Cañizares invece, ha compiuto questo gesto e gli è piaciuto talmente tanto da mantenerlo per tutta la vita, ecco il perché dei suoi capelli biondo platino ancora a 52 anni.

L’ex portiere del Valencia, Real Madrid e nazionale spagnola ha spiegato il perché della sua scelta, quello che è il motivo che si cela dietro questo cambio di look ormai definitivo.

In una lunga intervista ha spiegato che nel mezzo ci sarebbe anche il suo essere un po’ superstizioso.

Afferma: “Ero infortunato e giù di morale, perché se non giocavo a pallone mi intristivo. Sono andato dal mio barbiere a Madrid e mi ha detto che avrebbe fatto qualcosa per cambiare il mio stato d’animo. Siccome in quel momento non avevo voglia di discutere, mi sono fatto tingere i capelli di biondo. Ma poi, ogni volta che ho provato a cambiare colore ai miei capelli, mi sono successe cose stranissime dal punto di vista della salute. Mi sono fatto i capelli rossi e mi è caduto il flacone di colonia sul piede, li ho fatti tornare neri e mi è venuta una paralisi facciale temporanea. Quindi a quel punto ho deciso che me li sarei tenuti biondi e basta!”

Una motivazione piuttosto particolare, ma che si lega profondamente al suo modo di essere e alle sue credenze. Non è infatti la prima volta che mette in atto un atteggiamento del genere, pare che abbia iniziato a giocare con un asciugamano rosso al lato della porta perché quando lo usava, la squadra vinceva sempre. Un’ossessione a tal punto da svolgere ogni volta le stesse e identiche azioni, senza sbagliare niente.

Un fatto che sicuramente è stato forzato nella sua credenza anche per le vittorie raggiunge e perché quando non lo metteva le cose andavano male.

Ma è giusto dare una spiegazione a questo con la superstizione?

Vale sempre il “non sono superstizioso, però nel dubbio lo faccio!”

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @santicanizares

blog hibet