in

Rublev non molla: “Ho vinto tanto e vincerò tanto”

Il tennista russo parla dopo la sconfitta contro Djokovic agli Australian Open

rublev share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @andreyrublev

Andrey Rublev saluta gli Australian Open a un paio di passi da un trionfo che in fondo sente di meritare. In ogni caso non vuole perdersi d’animo e coglie ogni occasione per cercare di imparare qualcosa per il futuro: “Cercherò di trarre esperienza e lezioni. Penso che le cose che devo migliorare siano molto chiare. In ogni caso questo è stato uno Slam di gran lunga migliore rispetto ai precedenti”.

Dopo la sconfitta contro Novak Djokovic, il giocatore russo ha speso belle parole per il serbo: “Rispetto alle tre volte in cui ci eravamo affrontati, oggi ha giocato molto meglio, anche rispetto a Torino. Ha servito e risposto davvero bene. Quindi non so cos’altro dire. Non c’è stato niente che mi abbia impressionato perché è uno dei migliori. Sapevo che sarebbe stato davvero dura. Questo è tutto. È molto semplice”.

Rublev sogna la vittoria

Nell’intervista a fine partita, Rublev ha risposto a una domanda un po’ sibillina. Si è parlato dei problemi fisici di Djokovic, sui quali il russo ha risposto così: “Ad essere onesto, ho solo cercato di non pensarci. Ho provato continuamente a ripetermi di non mollare, di provare a giocare un game in più perché non si sa mai cosa può succedere. Solo per rimanere in partita, per cercare di non arrendermi mentalmente”.

Dopo i quarti di finale degli Australian Open, il numero 6 del mondo non si perde d’animo: “Ho ottenuto grandi vittorie qui. Cercherò di trarre delle lezioni e di migliorare su alcuni aspetti. Adesso ho abbastanza tempo per prepararmi, per lavorare, soprattutto con alcuni ragazzi del mio nuovo team. Possiamo mettere insieme due intense settimane di allenamenti prima che inizi la stagione indoor. Devo usare questo tempo in modo intelligente, per lavorare davvero sodo e migliorare alcune cose“.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @andreyrublev