in

L’ABC del fantallenatore. Guida semiseria per costruire una rosa vincente. Parte 2/3

rosa vincente- fantacalcio

Siamo entrati finalmente nella “Settimana Santa” dell’inizio del campionato di Serie A, che per gli appassionati di calcio è un po’ come l’attesa del Natale per i bambini. In realtà per gli appassionati di fantacalcio il vero Natale è rappresentato dalla prima asta per la scelta dei giocatori, dove si decide gran parte della stagione e in cui, come vi ho accennato nella puntata precedente, bisognava avere lucidità e nervi saldi degni di un professionista di Texas Hold’em.

Non si può lasciare nulla al caso, una strategia d’attacco è fondamentale per tenere a bada gli avversari. E sulla vostra strada ne troverete diversi, ognuno con armi ben affilate. Come difendersi?

Per chi si trova alla prima asta è bene avere chiare le regole e la modalità di “chiamata”, il numero dei calciatori da scegliere per ogni ruolo (di solito 3 portieri 8 difensori 8 centrocampisti 6 attaccanti) e il reparto su cui destinare la maggior parte dei fondi.

L’asta può essere pubblica e privata. Nel primo caso i giocatori scelti saranno in comune con altri avversari per cui sarà fondamentale saper scegliere gli insospettabili portatori di bonus che vi daranno un vantaggio netto.

Nelle leghe private invece esiste il concetto di acquisto esclusivo, e le modifiche possono essere fatte solo in poche finestre di mercato prestabilite.

I più esperti avranno già scelto il loro modulo, un 3-4-3 di zemaniana memoria, aggressivo e guizzante, altri potrebbero optare per un 4-3-3 in funzione dell’utilizzo del modificatore della difesa (regola introdotta da diversi anni ma poco utilizzata dalle leghe più nostalgiche e integraliste).

Il segreto principale per una buona asta è quello di accaparrarsi quanti più titolari possibili nelle rispettive squadre in modo tale da non rimanere scoperti in caso di frequenti infortuni o se avete elementi dal cartellino facile. Ricordatevi che calcio e fantacalcio sono due entità che vanno di pari passo ma possono risultare molto diverse tra di loro. Un esempio? Ve lo servo subito.

In una squadra di calcio ci sono giocatori fondamentali, perni insostituibili per i loro allenatori, che però nel tabellino dei marcatori non risultano praticamente mai. Ma se voi chiedeste a Lippi se avrebbe mai rinunciato a Gattuso durante il trionfale mondiale del 2006, la sua risposta sarebbe stata assolutamente NO. E come dargli torto. Nel fantacalcio servono i bonus, (gol e assist) quindi i i cosiddetti “gregari” possono essere lasciati da parte.

Diversamente vanno tenuti in grande considerazione coloro che hanno propensione offensiva o che, meglio ancora, battono i calci piazzati (quindi portatori sani di bonus). Per non parlare dei rigoristi che sono merce pregiatissima. Per cui non meravigliatevi se Veretout o Criscito dovessero provocare accapigliamenti tra i partecipanti. Attenzione però a non esagerare, il rigorista può sempre rivelarsi un’arma a doppio taglio (un -3 potrebbe tagliarvi le gambe).

Ma il vero capolavoro dovete farlo sugli insospettabili, quei calciatori che nessuno si aspetta ma che dovrete acquistare a pochissimi crediti tra le risatine sprezzanti dei vostri avversari che potrete rinfacciare al primo exploit con un vigoroso “LO SAPEVOOOO CHE ERA UN FENOMENOOOO!!!”

Da che mondo è mondo il fantacalcio è fatto da appassionati che sono anche e soprattutto tifosi. La difficoltà aumenta quindi se ci si trova a dover scegliere calciatori di una squadra che poi si sarà costretti a tifare. Ve lo immaginate un tifoso juventino che esulta per un gol di Lukaku o un romanista che sceglie Immobile come Top Player del suo attacco? Succede anche questo. Ed è quindi fondamentale per non farsi condizionare nelle scelte. Per cui durante l’asta dimenticatevi la squadra del cuore, toglietevi la maglietta del vostro idolo e dopo aver indossato metaforicamente giacca e cravatta, immaginate di trovarvi al Grand Hotel di Rimini in mezzo a Paratici, Marotta e Pradè, sfoderate l’ascia di guerra e non fate prigionieri.

Per il momento è tutto. Nella prossima e ultima puntata di questo tutorial andremo ancor di più nello specifico per capire come VINCERE IL FANTACALCIO e sbeffeggiare per tutta l’estate i vostri avversari. Ad maiora.

Sommario
L’ABC del fantallenatore. Guida semiseria per costruire una rosa vincente. Parte 2/3
Titolo
L’ABC del fantallenatore. Guida semiseria per costruire una rosa vincente. Parte 2/3
Descrizione
Asta del fantacalcio, istruzioni semiserie per l'uso. La strategia per non sbagliare il momento clou dell'anno per ogni fantallenatore che si rispetti.
Autore