in

Ronaldo sotto attacco: “Le squadre sono sue e costano esoneri”

Un giornalista si scaglia contro CR7

ronaldo share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @cristiano

Non è un buon momento per il Manchester United, ce ne siamo decisamente resi conto nel weekend che ci siamo messi alle spalle. La vittoria in rimonta in Champions League ai danni dell’Atalanta è stata più che altro uno specchietto per le allodole. Tanto che appena quattro giorni dopo è arrivato un clamoroso tonfo, a Old Trafford contro un Liverpool a dir poco inarrestabile per i Red Devils.

Sotto attacco c’è Cristiano Ronaldo, reo di aver stravolto in maniera eccessiva l’atteggiamento della squadra. A sferrare l’attacco è stato il giornalista Jonathan Wilson: “Nella scorsa stagione, il Manchester United avrebbe giocato molto basso contro una squadra come il Liverpool. Avrebbero fatto densità a centrocampo e avrebbero cercato di colpire in contropiede. Ma quest’anno non possono farlo, perchè c’è Cristiano Ronaldo. Lui deve giocare, perchè è Cristiano Ronaldo. Ma non offre praticamente nulla in fase difensiva, perchè è Cristiano Ronaldo”.

Ronaldo causa di esoneri

Dunque la gara contro il Liverpool avrebbe potuto essere affrontata diversamente. Wilson lo crede fortemente e non manca di ribadire il suo attacco a CR7: “Ha 36 anni e non è abbastanza mobile per giocare come Solskjaer ha spesso schierato i suoi attaccanti in sfide di alto profilo, con una specie di 4-4-2 a rombo e due attaccanti larghi. I suoi gol, come è successo mercoledì scorso contro l’Atalanta, possono anche portare risultati, ma sono come una bellissima carta da parati in una storia di Edgar Allan Poe, che nasconde le crepe e allo stesso tempo è il motivo per cui il muro viene giù”.

Leggi anche...  Ronaldo impazzisce, poi si scusa: “I tifosi meritano di più”

Wilson ci va giù pesante quando deve sottolineare che Ronaldo, negli anni alla Juventus, ha causato ben tre esoneri in due anni: “Parliamo di un calciatore che negli ultimi tre anni è costato il posto a Max Allegri, Maurizio Sarri e Andrea Pirlo. Qualsiasi squadra in cui giochi diventa immediatamente il Ronaldo Football Club. E qualsiasi risultato questo porti nella vendita delle maglie o sui profili dei social media, non porterà comunque a vedere quel tipo di calcio che fa vincere trofei”.

Un attacco tutt’altro che sottile.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio e vedere qualche protagonista in diretta.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @cristiano