in

Riot rivela le caratteristiche del prossimo Agente: ” un Demolitore ispirato alle ”info” di Sova”

Riot agente share hibet social

Nel recente ”Sto degli agenti” gli sviluppatori di Valorant ci hanno finalmente dato qualche indizio in più riguardo il prossimo Agente che verrà aggiunto al roster di gioco, rivelando un’immagine esclusiva ed alcune informazioni in anteprima, compreso il percorso che ha portato alla sua creazione.

In un passaggio che per questioni di spazio non riporteremo in basso, i Devs ci hanno tenuto a specificare che il processo di creazione edegli agenti, dal primo progetto fino al rilascio, può avere una durata che va dai 12 ai 15mesi di lavoro.

Durante questo lasso di tempo, gli sviluppatori si concentrano su alcune domande chiave che li aiutano a realizzare il prossimo agente seguendo alcune linee guida:

  • Cosa manca agli attuali stili di gioco principali?
  • Ci sono aspetti che presentano grandi opportunità?
  • Cosa serve per mantenere il gioco in uno stato ottimale?

Anteprima sul prossimo agente di Valorant

”Il team dei personaggi ha recentemente discusso molto dei Demolitori e nello specifico di Sova. I suoi strumenti di ingaggio sono unici, perché si basano su ricognizione e raccolta di informazioni, che sono essenziali per offrire a voi e alla vostra squadra gli strumenti necessari a pianificare l’azione successiva. Buona parte del ciclo tattico di VALORANT gira attorno alle informazioni. Sapere dove sono o non sono i nemici e sfruttare il momento per agire sulla base di quelle informazioni è la chiave di molte grandi vittorie.

L’idea di un altro agente improntato sulla raccolta delle informazioni ci ronzava in testa, quindi, già da un po’.

Sognavamo di trovare spazio per qualcosa di nuovo e così, quando “NickWu” è entrato nel team (prima lavorava in quello dei contenuti premium), abbiamo dedicato i suoi occhi esperti a questa opportunità. All’inizio ci siamo occupati di identificare cosa rende unico un gameplay basato sulla ricognizione e sulla raccolta di informazioni. Abbiamo così trovato uno spazio in cui inserire strumenti di ingaggio e ricognizione più “circoscritti”.

Il prossimo agente dovrebbe trasmettervi una sensazione di maggiore… intimità, quando date la caccia ai nemici. Naturalmente, questa è l’idea di base… ma tremo al pensiero di dirvi troppo, quindi mi fermo qui.

Bene, amici, non riesco a scrivere più di così. Continuo ad avere quest’incubo ricorrente, nel quale non riesco a completare il pass battaglia dell’Atto II (È TALMENTE BELLO… MI SERVE IL LIVELLO 48!). Sono spaventato dall’impresa, ma… sapete come si dice: “Herkesin bir korkusu var”.”

A steaming cup of tea with a computer in the foreground. In the background is a mindmap with images of valorant agents on it.

Cosa ne pensate community? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure sui nostri canali social, ai quali potrete accedere usando i pulsanti che troverete in cima alla pagina.

Se volete seguire altre notizie sul mondo degli E-Sports cliccate QUI.

A cura di: Powned