in

Riot donerà 5.4 milioni di dollari all’Ucraina

Riot, Ucraina, Ape, Croce Rossa, Medici Senza Frontiere, International Medical Corps

Riot ucraina share hibet social

La guerra che stiamo vivendo in questo periodo ha sconvolto le nostre vite, riportando un conflitto armato nel cuore dell’Europa dopo anni di pace. Molti si sono attivati per aiutare l’Ucraina dal punto di vista umanitario, ed anche Riot non si è tirata indietro.

Grazie al supporto di molti dei i suoi giocatori, sparsi su diversi titoli, l’azienda riuscirà a donare ben 5.4 milioni di dollari per sostenere gli sforzi umanitari nel paese. Un risultato incredibile, che testimonia la forza della community creata dalla softwarehouse americana.

Speriamo vivamente che questa crisi possa risolversi presto, e che l’aiuto portato da tutti noi possa dare una mano significativa ai tanti civili coinvolti.

Riot e la community hanno raccolto 5.4 milioni di dollari per l’Ucraina

L’importanza dei giocatori

Come vi avevamo anticipato qualche settimana faRiot ha aperto una raccolta fondi per aiutare l’Ucraina dal punto di vista umanitario. Tutti hanno potuto partecipare a questo sforzo, semplicemente comprando determinati oggetti nel loro gioco preferito (su LoL, ad esempio, si dovevano acquistare le nuove skin Ape).

In pochi giorni, dal 5 al 12 marzo, la community ha raggiunto la straordinaria cifra di 5.4 milioni di dollari, che andrà a sommarsi al milione che metterà a disposizione Riot in prima persona. I soldi saranno suddivisi tra diverse associazioni umanitarie che si stanno occupando della crisi: 1,8 milioni saranno donati alla International Medical Corps, altri 1,8 milioni saranno donati a Medici Senza Frontiere e gli ultimi 1,8 milioni saranno donati alla Croce Rossa.

Insomma, ognuno ha potuto fare la sua parte, anche in un periodo di tempo molto limitato. Questo risultato è stato possibile solo grazie a voi, a noi: i giocatori. Questi soldi potrebbero non sembrare tanti in ottica generale, ma saranno sicuramente di grande aiuto per molte persone che stanno soffrendo. Grazie a chiunque abbia contribuito a questa nobile causa.

Se volete seguire altre notizie sul mondo degli E-Sports cliccate QUI.

A cura di: Powned