in

Marc Marquez, rientro previsto per il 13 settembre: mondiale ancora alla portata?

Fonte immagine: Wikipedia Commons

L’infortunio di Marc Marquez alla prima stagionale del MotoGP ha costretto il campione spagnolo a uno zero nella casella dei punti raccolti fino a ora nei tre gran premi disputati. Dopo la caduta di Jerez, c’era stato subito un primo tentativo di tornare in sella, stoppato in partenza, che ha portato poi ad una nuova operazione per l’applicazione di una nuova placca.

Doppio inconveniente che ha probabilmente rinviato ancora il suo ritorno in pista, come confermato in maniera indiretta dal suo sostituto Stefan Bradl, che sui social ha comunicato la sua presenza anche per le prossime gare in Austria.

La situazione fisica di Marquez

Ci aveva provato subito Marc a tornare in sella, ma forse proprio quel tentativo andato a vuoto è stato uno dei motivi scatenanti che hanno portato a un nuovo intervento, per cambiare la placca in titanio che doveva servire proprio per accelerare la riparazione dell’Omero.

La motivazione ufficiale è che la prima placca aveva subito qualche danno per uno “stress”, ma per fortuna è lo stesso Xavier Mir (il medico che ha eseguito l’operazione) a rassicurare sulle condizioni del pluri campione del mondo. Intervento perfettamente riuscito e ora tutto è pronto per una nuova riabilitazione.

Rientro previsto per Misano?

Vista la voglia di scendere di nuovo in pista, c’è da pensare che rivedremo prestissimo Marquez fare qualche altro tentativo, visto che il calendario propone nuovi appuntamenti ravvicinati.

Ci sono i due GR da disputare in Austria, il 16 agosto e il bis per il 23 agosto, sempre al Red Bull Ring. Per la prima data non c’è alcuna possibilità (teorica) di vederlo in campo, visto che come detto è stata confermata la presenza invece del suo sostituto Bradl. Scarne anche le possibilità per la seconda tappa che si svolge solo qualche giorno più tardi.

Anche perchè dopo il primo tentativo che ha rischiato di compromettere tutto, probabile non si vorranno fare altri errori. La data giusta quindi potrebbe essere proprio quella del 13 Settembre, giorno del primo GP di San Marino da disputare al circuito dedicato a Marco Simoncelli di Misano.

La “remuntada” in classifica

Con ogni probabilità saranno quindi 5 i gran premi disputati senza lo spagnolo, fermo ancora a quota zero nella casella dei punti. Le possibilità di un Marquez ancora in corsa per il mondiale sembravano quindi complicate, specie in una stagione frenetica (e più corta) come questa.

E dopo le prime tappe, con un Quartararo padrone della pista e Vinales sempre a ruota, i giochi sembravano francamente chiusi.

Eppure l’ultimo GP a Brno ha aperto più di uno spiraglio di dubbio. Un podio totalmente inedito ha accorciato la classifica, specialmente perchè proprio Quartararo (7°) e Vinales (appena 14°) non hanno raccolto molti punti e sono sembrati un po’ in affanno.

Le prossime tappe austriache forniranno quindi preziose indicazioni per valutare quante speranze abbia poi Marquez, di recuperare il gap accumulato. Per ora sono 59 i punti del francese in vetta, che dovrà però provare a vincere e aumentare il divario per non avere poi sorprese.

Impresa però, tutt’altro che facile perchè a quanto pare, proprio l’assenza di Marquez ha scatenato le seconde linee diventate quanto mai protagoniste. A mancare paradossalmente, proprio i nomi più attesi sulle moto ufficiali, oltre alla Ducati di Dovizioso ancora fuori dalle prime posizioni.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Wikipedia Commons