in

Quella volta che Jorginho voleva abbandonare il calcio.

L’ex calciatore del Napoli attualmente al Chelsea, rivela alcuni retroscena della sua vita.

Jorginho abbandonare calcio
Fonte immagine: Instagram

Anche i migliori a volte possono mollare, o quasi.

Questo è il caso anche di Jorginho, ex stella del Napoli che attualmente si trova al Chelsea e che durante un’intervista rilasciata per il Daily Mail si è soffermato a parlare del periodo della sua formazione, di quanto ha lottato per i suoi sogni, svelando alcuni retroscena: “Diventando un calciatore professionista in Brasile sarei stato felice, andare a giocare in un Europa era un sogno che vedevo lontanissimo. Sono stato lì per due anni ed è stato il momento più duro. Però vedevo che alcuni giocatori andavano in Italia ed ho pensato che fosse un’opportunità. Il posto non era certo dei migliori, alcune volte dovevamo mangiare le stesse cose per tre giorni di fila e in inverno non avevamo l’acqua calda per le docce. Mia madre un giorno voleva riportarmi a casa ma le dissi che non sarei andato via per un bagno non pulito. All’inizio a Verona alloggiavamo in un monastero, ci davano 20 euro a settimane e dormivamo in 6 nella stessa stanzetta. Ho dei bei ricordi però di quel periodo e le persone ci trattavano in modo straordinario anche se a un certo punto avrei voluto mollare. Mia madre fu fondamentale perché mi disse di stringere i denti anche perché mi stavo già allenando con la prima squadra”.

Leggi anche...  “Fuga per la vittoria”: Sylvester Stallone svela alcuni retroscena su Pelè.

Le sue parole sono l’ennesima dimostrazione di quanti sacrifici ci siano dietro al successo, tanti sono gli sportivi talentuosi che magari non reggono lo stress della preparazione piuttosto che dei ritmi da tenere prima di sfondare, motivo in più per lodarsi con chi ce la fa.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram