in

Preziosi, Zamparini e co.: i presidenti con l’esonero facile

Ballardini al Genoa ha accresciuto la fama di mangia-allenatori di Enrico Preziosi.

preziosi_zamparini_ballardini_cerantola
Fonte immagine: Twitter

La notizia risale ormai alla scorsa settimana, ma è diventata di dominio pubblico ben oltre la semplice annotazione tecnica. Davide Ballardini è il nuovo allenatore del Genoa, dopo la decisione presa dal presidente del Grifone Enrico Preziosi di allontanare la precedente guida tecnica, Rolando Maran. Una scelta che ha fatto assai discutere, per tutta una serie di motivi che riguardano entrambi i soggetti chiamati in causa.

Da una parte c’è proprio Preziosi, che è considerato uno dei presidenti con il “grilletto più lesto” quando c’è da cacciare un tecnico per chiamarne un altro. E poi c’è proprio Ballardini, che per la quarta volta approda sulla panchina della formazione ligure. Tra le altre cose, il tecnico romagnolo non è stato risparmiato da critiche e attacchi da parte dello stesso patron rossoblu. Tanto che il suo ritorno è stato accompagnato da qualche mugugno.

Zamparini peggio degli altri

Il passaggio da Maran a Ballardini è il movimento numero 25, in fatto di esoneri di allenatori da parte di Enrico Preziosi. Considerando le sue esperienze alla guida del Saronno, del Como e dello stesso Genoa, infatti, in circa un quarto di secolo il presidente del Grifone ha mietuto diverse vittime. La prima è rappresentata da Bacchin, l’unico allenatore esonerato ai tempi del Saronno. Poi ne cacciò addirittura cinque al Como, tra cui Mario Beretta che fu allontanato due volte.

Ma Enrico Preziosi non è il presidente di calcio italiano più mangia-allenatori in circolazione. In testa alla classifica troviamo infatti Maurizio Zamparini, che è però mestamente uscito di scena due anni fa, quando cedette il Palermo in mano a un gruppo di lestofanti inglesi. Il vulcanico imprenditore friulano ha operato ben 54 esoneri in circa 40 anni di carriera. Il primo fu Cerantola ai tempi di Venezia, l’ultimo è stato Stellone.

In mezzo c’è Cellino

È davvero impressionante la mole di allenatori passata tra le mani di Zamparini. Sono ben 19 quelli che sono stati esonerati durante il periodo veneziano. Tra questi ci sono anche grandi nomi come Zaccheroni, Spalletti e Prandelli: i primi due hanno subito l’onta di ben due esoneri. E a Palermo la musica non è cambiata. Guidolin (tre volte), Gasperini, Pioli e De Zerbi: tutti passati tra le grinfie dell’ex patron del club siciliano.

Ma se Zamparini è in testa a questa “speciale” classifica e Preziosi completa il podio in terza posizione, in piazza d’onore troviamo un altro presidente assai a proprio agio con gli esoneri. Parliamo di Massimo Cellino. Uno che ha esportato la moda dell’esonero anche Oltremanica, avendo gestito sette tecnici, cinque dei quali cacciati. E dire che tra le sue mani, ai tempi di Cagliari, ha avuto gente come Trapattoni, Tabarez, Ventura, Allegri e Donadoni.

Davvero niente male…

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter

Francesco Cammuca

Sommario
Preziosi, Zamparini e co.: i presidenti con l’esonero facile
Titolo
Preziosi, Zamparini e co.: i presidenti con l’esonero facile
Descrizione
L’ultimo arrivo di Ballardini al Genoa ha accresciuto la fama di mangia-allenatori di Enrico Preziosi. Ma quali sono i ‘colleghi’ con l’esonero facile?
Autore
Francesco Cammuca

Scritto da Francesco Cammuca

Giornalista, 30 anni di vita all'insegna dello sport, tra ciò che si vede in campo e quel che lo circonda.