in

La stella dei Lakers Anthony Davis e la suite di ritrovo

Lakers Anthony Davis
Fonte immagine: *antdavis23

Il giocatore dei Lakers Anthony Davis ha a disposizione una suite nella bolla di Orlando. La stanza è diventata un punto di ritrovo per i gialloviola che amano intrattenersi con videogiochi e programmi tv.

In particolare questa sorta di appuntamento in suite è iniziato con il programma ‘Verzuz’ che ha tenuto incollata la squadra di LeBron interessata alla rap battle tra Snoop Dog e DMX.

Proprio The Chosen One sarebbe un grande fan dei due artisti. “La mia stanza si prestava e abbiamo iniziato così”.

Altro giro altra corsa, 2 Chainz contro Rick Ross, di nuovo sfida rap e tutti nuovamente nella stanza di Davis.

“Sono uno dei pochi che ha una suite e sono il più tecnologico della squadra, quello che sa come configurare tutti i dispositivi e collegarli alla televisione”.

Per questo i cestiti dei Lakers non perdono tempo per giocare a Madden, un videogioco di football americano.

La stella dei Lakers Anthony Davis avrà anche la suite di ritrovo ma a questo punto ci chiediamo come sia fatta. La curiosità fa da padrona per noi di Hibet Social.

Nel frattempo, si stanno giocando i playoff NBA, ad alcuni giocatori è stato chiesto di non fraternizzare con gli avversari, visto che è accaduto che in altre occasioni gli atleti di squadre diverse si sono riuniti per trascorrere insieme le loro serate.

Dopo sette anni dall’ultima partita dei playoff dei Los Angeles, i gialloviola ripartono con una sconfitta, battuti dai Blazers che si mostrano più decisi nel quarto periodo.

James offre ottime prestazioni mettendo a segno 23 punti, 17 rimbalzi e 16 assist.

I 16 assist sono il massimo in carriera di LeBron nella post-season, ma tutto ciò non è bastato ai Lakers per aprire la prima sfida della serie con una vittoria.

Qualche settimana prima dell’inizio delle gare, la squadra di Los Angeles non sembrava passarsela molto bene. È quanto aveva affermato da LeBron James: “Io personalmente dal punto di vista mentale non sono ancora in modalità playoff: fisicamente ci sto arrivando, sento meglio le gambe sotto di me, il mio gioco sta migliorando e mi trovo sempre più a mio agio con la bolla. Per quanto riguarda la parte mentale non sono ancora pronto e nemmeno lo è la squadra, ma lo saremo”.

Invece LeBron a questo evento ci è arrivato bene, piuttosto sarebbero da rivedere le condizioni del resto della squadra.

Forse il ritiro nella suite del cestista dei Lakers Anthony Davis, non ha raggiunto un effetto benefico sul parquet.

Per altre news, clicca qui.

Fonte immagine: *antdavis23