in

Petrucci sfida Banchero: “Ci gioca contro, non avremo paura”

Fonte immagine: Twitter

Gianni Petrucci crede che l’Italia potrà dire la sua ai quarti di finale del Mondiale. Il tutto nonostante si giocherà la sfida contro Team Usa: “Gli USA sono dei fenomeni ma il clima in casa Italia è ideale. Il basket è diventato sempre più difficile. Basti considerare quanto spazio è stato dato nei giornali e nelle televisioni nazionali a questo ritorno dell’Italia nel G8 mondiale. È merito di una prestazione straordinaria di ragazzi normali”.

Il presidente della Federazione Italiana Pallacanestro ha speso belle parole per Gianmarco Pozzecco. Il coach è la guida di questo gruppo: “Un allenatore così, ‘sui generis’, sotto tutti i punti di vista, non lo abbiamo mai avuto. Abbiamo avuto grandi allenatori ma la simpatia e le caratteristiche di Pozzecco non le ha nessuno. Anche lui è un grande allenatore, dovreste vedere come e quanto allena la squadra”.

Italia, Petrucci non teme gli Usa e Banchero

Ospite di Radio Anch’io lo Sport, Petrucci ha parlato della sfida contro i fortissimi americani. Una squadra forte, ma non imbattibile: “Giochiamo contro dei colossi, che sono sempre di un altro livello, anche se ieri hanno perso. Noi vogliamo andare avanti. Loro sono favoriti ma noi vogliamo arrivare. Questa squadra non si abbatte mai. Essere fra i primi otto del mondo è una grande soddisfazione ma ancora non abbiamo fatto niente. Io l’avevo detto già: ‘Voglio giocare contro gli Usa’. Ci dobbiamo paragonare ai grandi e sognare non costa nulla”.

Proprio nel Team Usa c’è quel Paolo Banchero che Petrucci ha tanto corteggiato. E non manca una piccola frecciata: “Voleva giocare con l’Italia? Non lo so, adesso ci giocherà contro. A lui non dirò niente però. E’ grande giocatore e lo ha dimostrato. La mia è comunque solo una battuta. Ha fatto tutto lui: noi dobbiamo solo ringraziarlo, perchè ci ha fatto scoprire altri ottimi giocatori per la nostra Nazionale”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter

blog hibet