in ,

Il campione NBA Pau Gasol omaggia Bryant e chiama la figlia Gianna

campione NBA - Pau Gasol
Fonte immagine: *paugasol

Il due volte campione NBA Pau Gasol è diventato papà della sua primogenita Gianna, un nome noto nei Lakers.

Infatti Gianna era la figlia di Kobe Bryant, scomparsa insieme al padre nel terribile incidente aereo dello scorso gennaio.

Pau Gasol era molto legato al “Mister 81” e lo sta dimostrando con la vicinanza a Vanessa e le sue figlie, comportandosi da zio.

Uno dei gesti più significativi è stato quello di chiamare la sua bambina Gianna, proprio come “Gigi”, la piccola promessa del basket che doveva seguire le orme del padre.

Il campione NBA ha annunciato sui social la nascita ed il nome della sua creatura: “La nostra piccola è finalmente arrivata! Il parto è andato molto bene e non potremmo essere più felici. Elisabet Gianna Gasol, un nome davvero significativo per la nostra bellissima figlia!!”.

Il post termina con l’hashtag #girldad, proprio come usava fare Kobe, genitore di quattro figlie femmine.

Non poteva mancare il commento di Vanessa Bryant che ha scritto: “La mia figlioccia è qui!!!”, al quale Cat, moglie di Pau, ha risposto così: “Ti voglio bene sorella, sarai la miglior madrina per la nostra Ellie Gianna”.

Le due famiglie sono particolarmente unite, tanto che il cestista aveva dichiarato: “Abbiamo una connessione incredibile, è piuttosto evidente. Lui è stato sempre presente per me e per noi, in maniere e modi sempre diversi”.

Kobe e Pau sono stati colleghi ma soprattutto amici e neppure la morte è riuscita a cancellare quel sentimento che univa i due.

Quando lo spagnolo si è unito ai Los Angeles Lakers nel 2008, Black Mamba lo accolse alle 2 di notte così da dargli il benvenuto. I due professionisti, un anno dopo, hanno vinto insieme il primo titolo NBA, per poi replicare nella stagione successiva.

“Uncle Pau” ha messo al mondo una cuginetta per Capri, Natalia e Bianka, le quali potranno ancora far riecheggiare il nome Gianna.

Per altre curiosità, clicca qui.

Fonte immagine: *paugasol

Maria Caterina Crugliano

Scritto da Maria Caterina Crugliano

Copywriter dell’ironia. I miei genitori devono ancora capire che lavoro faccio. Penso quindi scrivo (e rido).