in

Pato, che nostalgia: “Mi manca l’Italia. E farei una gran coppia con Ibra…”

L’attaccante brasiliano vorrebbe tornare in serie A

pato_italia_Ibrahimovic
Fonte immagine: Twitter

Alexandre Pato potrebbe essere ricordato come il principale esponente di una particolare categoria di calciatori. Parliamo degli eterni incompiuti, ovvero quei giocatori dotati di un grande talento, ma che per un motivo o per un altro non riesce ad avere una carriera duratura. Nel caso dell’attaccante brasiliano, gran parte del demerito è dovuto ai diversi infortuni di natura muscolare che ne hanno pregiudicato la carriera.

Eppure Pato ha fatto ottime cose in Italia, con la maglia del Milan. Ecco allora che il Papero, nickname che si è conquistato in Brasile, svela ai colleghi della Gazzetta dello Sport il desiderio di tornare in serie A. Ovviamente con un’offerta importante da valutare: “Sento dire che in Italia potrebbero esserci club interessati a me. Ma vorrei mettere ben in chiaro che a 31 anni non cerco un contratto per il conto in banca, bensì un progetto che mi piaccia. Fosse stato per i soldi, sarei rimasto in Cina”.

Adesso sta bene

Alexandre Pato vuole tornare a giocarsi le sue carte. E spiega anche perché una squadra del nostro campionato dovrebbe affidarsi a lui, nonostante gli annosi guai fisici: “Il mio fisico è a posto, sto bene, e la mia testa è diversa rispetto a quando mi avevate conosciuto. So quello che posso dare e cosa devo fare: la volontà è tutto e io ce l’ho. Vedo l’Europa nel mio futuro, in particolare l’Italia. In Serie A penso di poterci ancora stare e fare molto bene, compatibilmente col fatto che ho passaporto extracomunitario”.

L’ultima esperienza di Pato è quella tra le fila del San Paolo. L’ex milanista spiega perché le cose non sono andate bene: “Quando abbiamo ripreso dopo lo stop per il Covid mi sono trovato in mezzo a liti fra alcuni giocatori e il club, e ho deciso di chiudere il rapporto. È stata una decisione mia, ero tornato in Brasile per divertirmi e questo non succedeva più”. Tra le squadre che hanno pensato a lui, invece, c’è la Fiorentina: “Valuterò quello che davvero sarà fattibile. La Fiorentina è un’ottima società, con tanti campioni e una squadra buona. E poi è una città bellissima”.

Nostalgia Milan

Nonostante l’idea toscana, il cuore di Pato batte ancora per il Milan. Tanto da ribadire la sua nostalgia: “Certo, come potrei non averla. Stiamo parlando di 150 partite, 63 gol, uno scudetto e una Supercoppa di Lega. Sarebbe un sogno poter tornare al Milan, che è nel mio cuore”. E sogna anche che il ruolo di vice-Ibrahimovic vada a lui: “Direi di sì, che problema c’è. Ma semplicemente perché io non arriverei per fare il vice: giocherei, mi basterebbero un paio di partite per convincere il mister (risata, ndr). No dai, diciamo che magari con Ibra potremmo giocare insieme… Saremmo una gran coppia”.

Tra le altre cose, Alexandre Pato vanta anche un grande rapporto con Paolo Maldini. È stato lui il suo primo capitano al Milan, e ora che svolge funzioni dirigenziali l’amore potrebbe scoccare di nuovo: “L’altro giorno per ridere ho mandato a Paolo una sua foto presa dalla tv. E’ un rapporto che abbiamo mantenuto e mi fa piacere. Daniele sa lavorare sulla testa e sul cuore e quindi so che sa gestire i giocatori. Lo vedo molto bene da allenatore”.

Se volete seguire altre notize sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter

Francesco Cammuca