in

I PALLONI D’ORO PIU’ DISCUSSI DELLA STORIA DEL CALCIO

Si sta avvicinando quello che sarebbe dovuto essere il mese per l’assegnazione del Pallone D’Oro.

Assegnazione che però è stata annullata per mancanza di criteri ordinari e veritieri, causata dall’emergenza COVID che ha falsificato gran parte delle competizioni. Una decisione che ha fatto discutere gli appassionati di calcio e beffato chi poteva realmente vincere l’ambito trofeo individuale (Lewandowski fra tutti).

Non è la prima volta che il trofeo entra nel ciclone delle polemiche, infatti anche in passato ha creato confusione e controversie per i suoi criteri di assegnazione, in cui non si è mai capito se a vincere doveva essere il miglior giocatore in assoluto o quello che più aveva impressionato nell’anno solare vincendo titoli. Ecco di seguito alcuni casi che hanno accentuato di più tale quesito:

Matthias Sammer (1996)

Fonte immagine: Instagram

Questa assegnazione si può definire senz’altro la più controversa della storia del Pallone D’oro, se si considera che Sammer fu il primo difensore a vincere tale trofeo.

Quell’anno, a detta di molti, doveva vedere vincitori o sul podio giocatori come Alessandro Del Piero, trascinatore della Juventus campione d’Europa e del mondo, e Ronaldo Nazário, che sfornò numeri realizzativi impressionanti tra PSV e Barcellona. Ciò che condizionò probabilmente la scelta finale fu la vittoria dell’Europeo, del quale Sammer fu vero protagonista.

Michael Owen (2001)

Fonte immagine: “Michael Owen visits Camp Bastion” by UK Prime Minister is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

In quegli anni Owen vinse da protagonista ben 5 trofei con il Liverpool. Nonostante questo però, la sua vittoria del pallone d’oro scatenò polemiche pesanti, soprattutto di chi voleva come vincitore Oliver Kahn, portiere del Bayern Monaco campione di Germania e d’Europa. Quello fu l’anno in cui si iniziò a discutere su uno dei limiti di assegnazione del pallone d’oro: la preferenza di far vincere un giocatore di movimento piuttosto che un portiere, fatto che continuerà a persistere negli anni a venire, come quando nel 2006 che si preferì assegnare il trofeo a Cannavaro piuttosto che a Buffon.

Lionel Messi (2010)

Fonte immagine: Wikipedia Commons

Nonostante non si discuta il valore del calciatore, nel 2010 molti reputavano più corretto assegnare il pallone d’oro a qualcun altro.

In molti ritenevano più giusto assegnarlo ad uno degli eroi del Triplete interista, fra tutti Milito (escluso addirittura dalla lista dei candidati) e Snejder, protagonista non solo con i nerazzurri ma anche con Olanda che trascinerà da capocannoniere al secondo posto nel mondiale africano. Oltre agli interisti, si fanno i nomi di Xavi e Iniesta, campioni del mondo con la nazionale spagnola e artefici del double nazionale con il Barcellona, ma a vincere sarà il loro compagno di squadra Messi, nonostante un mondiale sottotono e i soliti grandi numeri in termini realizzativi.

Luka Modric (2018)

Fonte immagine: Wikipedia Commons

Concludiamo il pallone d’oro del croato: anche nel 2018 i palpabili per vincere tale trofeo erano molti, dai due campioni del mondo Antoine Griezmann, fresco vincitore di Europa League e Supercoppa Europea con l’Atletico Madrid, e Kylian Mbappè, protagonista con il PSG e premiato come miglior giovane del Mondiale, fino ad arrivare ai soliti Messi e Cristiano Ronaldo, quest’ultimo protagonista con il Real Madrid campione d’Europa e nuovo giocatore della Juventus. Tutti erano convinti che a vincere sarebbe stato il portoghese, ma alla fine il trofeo andrà nelle mani di Modric, protagonista sia con il Real Madrid che con la sua nazionale che trascinerà fino alla fine di coppa del mondo.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Antonino Nicolò

Sommario
I PALLONI D'ORO PIU' DISCUSSI DELLA STORIA DEL CALCIO
Titolo
I PALLONI D'ORO PIU' DISCUSSI DELLA STORIA DEL CALCIO
Descrizione
I quattro palloni d'oro più discussi della storia, che hanno messo sempre più in dubbio la regolarità del trofeo individuale più ambito del calcio.
Autore
Antonino Nicolò

Scritto da Antonino Nicolò

22 anni, appassionato di scrittura e amante della storia del calcio e delle statistiche che lo riguardano.