in

Da oggi potrete dire: “Una cosa vecchia come il tennis”.

Le origini dello sport sono da attribuire al Maggiore Wingfield nel 1874.

tennis share hibet social
Fonte immagine: Images

Quanti di voi giocano a tennis? Molti probabilmente, ma vi siete mai chiesti come è nato questo sport?

Sembrerebbe che il tutto tragga origine dal Maggiore Wingfield sul finire dell’800. Egli dopo averlo brevettato ha visto la sua creazione arrivare ad essere praticata a livello mondiale! Già, perché nel 1896 arriva anche ad Atene, ai Giochi Olimpici.

In questa prima e nuova occasione, si presentano giocatori da ben 7 nazioni, con l’unico obiettivo di contendersi il titolo del singolare maschile.

Dalla lotta tra 13 giocatori, ne esce vincente John Pius Boland, rappresentante dell’Inghilterra, dalle origini irlandesi.

Dopo di che, l’obiettivo era trovare un compagno per il doppio: il tedesco Fritz Traun ed insieme riescono a vincere il primo oro misto della storia dei Giochi moderni.

Con lo scoccare del ‘900 è finalmente la volta delle donne e come molte innovazioni non poteva che partire da Parigi: scende in campo Charlotte Cooper. Stiamo parlando della tennista vincitrice di 5 titoli di singolare a Wimbledon. A fare la storia del tennis vi sono anche i gemelli Doherty, a cui sono stati intitolati i cancelli del tempio di Wimbledon, visto il loro grande talento.

Ricordiamo anche Suzanne Lenglen e Helen Wills Moody, le “futuriste” del tennis per l’utilizzo in campo della gonnella.

Ma allora perché il tennis ad un certo punto non ha fatto più parte dei Giochi?

È iniziato tutto nell’edizione di Amsterdam 1928, non si conosce il motivo preciso, ma sono due le ipotesi: una per la quale gli inglesi, dato il loro potere presso il Cio, hanno voluto appropriarsene per rendere unico il torneo di Wimbledon; mentre secondo l’altra ci sarebbe stata una polemica finita male a causa della marca delle palle da usare.

Leggi anche...  Le 10 tenniste più belle tra le top del nuovo ranking WTA

Un ipotesi davvero assurda, ma non impossibile! Tuttavia, il Comitato olimpico lo riammetterà nel programma a partire dai Giochi di Seul del 1988.

Una storia affascinante e che ancora oggi ci continua a stregare grazie a giocatori del calibro di Novak Djokovic, Roger Federer, Serena Williams e italiani come Berrettini Sinner, Omar Camporese, Andrea Gaudenzi, Andreas Seppi, Silvana Lazzarino, Silvia Farina Elia, Sara Errani, Francesca Schiavone, Flavia Pennetta, Roberta Vinci e tanti altri.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Images

Sommario
Da oggi potrete dire: “Una cosa vecchia come il tennis”.
Titolo
Da oggi potrete dire: “Una cosa vecchia come il tennis”.
Descrizione
Un viaggio alle origini del tennis: alcune curiosità su questo sport.
Autore