in

Una strada di Sarajevo prenderà il nome di Michael Schumacher

L’iniziativa in onore del campione

Michael Schumacher Sarajevo share hibet social
Fonte immagine: Twitter

Michael Schumacher non è solo il grande campione che ha polverizzato negli Anni Novanta e Duemila tutti i record possibili in Formula 1, prima che arrivasse un altro ciclone chiamato Lewis Hamilton. Il pilota tedesco, che attualmente sta vivendo ancora la sua battaglia dopo il tragico incidente sulle nevi di Meribel, è stato riconosciuto con il passare del tempo come un grande uomo.

 

Lo sanno bene anche in Bosnia-Erzegovina, in un Paese che è ancora martoriato dalle conseguenze della Guerra dei Balcani e dalle faide per l’indipendenza dei Paesi ex-jugoslavi. Qui, nell’ormai lontano 1996, uno Schumacher appena passato in Ferrari arrivò per portare sorrisi e doni ai bambini che si trovavano in ospedale dopo gli scontri a fuoco. “Se i bambini di Sarajevo sono colpevoli solo perché sono bambini, allora anche io sono un bambino di Sarajevo”, aveva esclamato Schumi.

Il ricordo di Damir

Damir Vatres è uno di quei bambini che giaceva su un letto di ospedale quel giorno a Sarajevo. Ai tempi aveva 9 anni, ora ne ha 34 e non ha voluto dimenticare quel gesto. Così Damir, insieme a un gruppo di giovani della capitale bosniaca, ha deciso di dare il via alle pratiche per intitolare una delle strade principali della città proprio a Michael Schumacher. Un segno di riconoscenza ma anche di sostegno nella sua battaglia personale.

 

Leggi anche...  Niki Lauda e l’incidente con cui ha rischiato di morire.
 

 

E in un’intervista per il portale bosniaco Klix, ha voluto esprimere tutta la sua ammirazione per il grande campione: “Questo è solo il primo passo, intanto abbiamo già inviato un messaggio all’ambasciata tedesca e alla moglie di Schumacher per avvertirla della nostra iniziativa. Noi Michael non lo dimentichiamo, perché lui non ha mai dimenticato i giovani di Sarajevo. Decorando i marciapiedi di rosso e bianco, ogni bambino della città può dare il suo contributo”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter