in

Novak Djokovic e Sergiy Stakhovsky: una conversazione triste.

L’ex tennista ucraino si è unito alle truppe del suo paese per combattere i russi.

Sergiy Stakhovsky share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @stako_s

Sergiy Stakhovsky è l’ex tennista ucraino che si è unito alle truppe del suo paese per riuscire a resistere ai pesanti attacchi che in questi giorni sono stati mossi e che continuano ad essere sferrati dall’esercito russo.

Così Novak Djokovic si è sentito in dovere si scrivere al suo amico e di assicurargli un qualsiasi appoggio finanziario, qualora dovesse averne bisogno, così gli ha mandato un messaggio Whatsapp: “Sto pensando a te…spero che tutto si calmi presto. Dimmi dove posso mandarti aiuto…aiuto finanziario o qualsiasi altro tipo di aiuto…”

 La situazione è la medesima anche per altri atleti ucraini, tra cui il due volte campione olimpico di boxe Vasiliy Lomachenko e l’ex campione del mondo dei pesi massimi Oleksandr Usyk.

Purtroppo, è davvero terribile e non si sa quando tutto questo potrà finire. È assolutamente assurdo e inspiegabile come la vita di tutto il popolo ucraino sia cambiata da un giorno all’altro per i capricci dei potenti che giocano a conquistare il mondo, e nel frattempo le persone muoiono, mentre scappano dalla loro terra, dalla loro casa, senza capire il perché di tanta atrocità che non risparmia nessuno, nemmeno i bambini.

È proprio questa la banalità del male, un esercito che marcia, che conduce un’operazione militare di cui non è convinto e per la quale si sente angosciato, per una paura maggiore, quella che deriva dal pensiero di cosa potrebbe accadere loro se non rispettassero gli ordini.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @stako_s