in

Nicolato si ripete: “In Italia livello troppo basso”

Il ct dell’Under 21 si aspetta un cambio di passo sul piano della qualità

nicolato share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @sportface.it2016

Paolo Nicolato presenta il nuovo ciclo di partite della sua Nazionale. Un ciclo fondamentale per proseguire nel percorso: “Ci sono quattro partite prima dell’Europeo, due adesso e due a marzo, per questo ho chiesto di poterci misurare con delle nazionali in grado di crearci grande difficoltà perché è proprio da questo tipo di impegni che trarremo le indicazioni necessarie per migliorare. E il percorso di crescita passa attraverso il confronto con le migliori. Non voglio che i ragazzi interpretino questi impegni come semplici tappe di avvicinamento. Voglio vedere impegno e capire come la squadra reagirà di fronte alle sollecitazioni”.

Il commissario tecnico dell’Under 21 sottolinea la necessità, per i giovani di talento, di trovare spazio nei club: “Credo sia un bene che i nostri ragazzi inizino a giocare. Ovviamente ci serve che trovino continuità anche se ovviamente le nostre scelte dipendono anche da quelle di Mancini che ha comunque la priorità. Se qualche ragazzo è utile o è considerato già pronto per giocare con gli azzurri, andranno in Nazionale. Se invece le posizioni sono coperte. giocheranno con noi”.

Nicolato e il bisogno di qualità

Durante l’intervista Nicolato ha fatto capire che c’è una continua sinergia con la Nazionale maggiore. Al tempo stesso è necessario trovare quei giocatori che rendano al meglio: “Non ho idee prefissate, il mio compito è trovare un modulo per garantire ai giocatori nella posizione in cui rendere meglio. Le scelte sono fatte sulla base della condizione dei calciatori e sugli avversari. Chiaramente la preferenza andrà su calciatori in grado di adattarsi rapidamente ai concetti di gioco più che ai moduli”.

Anche perchè ci sono alcune zone di campo in cui l’Italia Under 21 non è messa molto bene. Proprio per questo motivo il commissario tecnico invoca quella qualità che manca e sarebbe fondamentale avere: “Se proprio dovessi citare una criticità, è quella nei giocatori di fascia offensivi. In ogni caso, il buon sarto cuce il vestito con la stoffa che si ha a disposizione. Dobbiamo alzare il livello della qualità generale. Il problema non riguarda i giovani o i vecchi, ma la qualità”.

L’Italia ha bisogno di talento per tornare a vincere.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @sportface.it2016

blog hibet