in

Neymar la spara grossa: “Sono il caos perfetto”

L’asso del Psg parla delle sue doti migliori

neymar_paris_saint_germain
Fonte immagine: Twitter

Quando si parla di Neymar, non è per forza detto che lo si faccia a proposito delle sue grandi doti da calciatore. L’asso brasiliano del Paris Saint Germain si è spesso e volentieri fatto notare per momenti che con il calcio hanno davvero ben poco a che vedere. In ogni caso, nonostante i suoi atti di pura bizzarria, continua a essere considerato uno dei giocatori più forti del mondo. E non potrebbe essere altrimenti, considerando i suoi numeri.

 

O Ney ha rilasciato una lunga intervista per Gaffer, che gli è servita soprattutto per parlare di sé fuori dal campo. In molti lo hanno biasimato per alcuni atteggiamenti. Ma il brasiliano ha fatto capire che tutto fa parte della sua enorme personalità: “Sono una persona molto coraggiosa, la mia più grande virtù è il mio coraggio. Tuttavia, è difficile dire cosa le persone vedano in me adesso. Quando ero bambino, era facile. Sono sempre stato quel ragazzo che era sopra la media in ogni fascia d’età, ho sempre giocato nelle categorie più alte e questo mi ha reso popolare in Patria”.

Portatore di gioia

Neymar è consapevole di essere considerato un personaggio assai ingombrante, soprattutto quando non indossa maglia e scarpe da calcio. Ma ammette anche che non è stato facile crescere con le grandi pressioni, dovute al suo enorme talento: “All’epoca era più facile. Ma ora? È difficile rispondere perché oggi credo di essere diventato un idolo, un’icona nel calcio. Ora sono al fianco dei migliori giocatori del mondo, sono molto orgoglioso di essere qui e anche molto orgoglioso di essere trattato come un idolo. Spero solo di continuare a portare gioia nel calcio”.

 

Molto spesso, l’attaccante a disposizione di Mauricio Pochettino è stato messo a confronto con un suo contemporaneo, Cristiano Ronaldo. Il portoghese ha sempre messo la cura del corpo e del fisico al centro di tutto, con un lavoro certosino. Neymar, invece, preferisce definirsi in un altro modo: “La perfezione non esiste. L’arte è diversa. Il caos perfetto però devo dire che è esistito, almeno per quanto mi riguarda. Il caos perfetto è esistito nella mia carriera perché sono io stesso il caos perfetto”.

I due Neymar

Il numero 10 della Nazionale brasiliana fa capire di non avvertire, alle soglie dei 29 anni, particolari pressioni. Ma sa bene di dover fare di tutto per far divertire i suoi connazionali e i suoi tifosi: “Nel calcio non ho pressioni. Sono il numero 10 del Brasile e del mio club. So che quando gioco devo essere diverso e dare il 100%. Ma sul campo sono una persona, fuori un’altra. Difficile da spiegare ma devi essere diverso. Sono un esempio per i bambini e di questo ringrazio Dio. La verità, ripeto, è che ciò che si vede in campo è diverso dalla realtà”.

 

Infine, Neymar ha parlato del suo rapporto con i social. Un passaggio di svago e relax della sua vita, ma che non sempre è come vorrebbe che fosse: “Non mi piace leggere le cose brutte, credo che i social siano una cosa bella perché le persone possono sentirsi parte di qualcosa. Ma non bisogna mai prendere sul serio certe cose. Commenti di odio, di invidia… La cosa importante è che il vero Neymar sia conosciuto dalla famiglia e dagli amici. Questo mi basta”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter

Francesco Cammuca

Sommario
Neymar la spara grossa: “Sono il caos perfetto”
Titolo
Neymar la spara grossa: “Sono il caos perfetto”
Descrizione
Neymar è tornato a parlare della sua vita, dentro e fuori dal campo. Tanto da arrivare a dire di rappresentare al meglio il caos perfetto.
Autore
Francesco Cammuca

Scritto da Francesco Cammuca

Giornalista, 30 anni di vita all'insegna dello sport, tra ciò che si vede in campo e quel che lo circonda.