in

Muriel sembra Ronaldo: i numeri fanno paura

Il colombiano spinge l’Atalanta

muriel Ronaldo
Fonte immagine: Twitter

Un’altra grande serata per la sua squadra, quell’Atalanta che grazie alla manita realizzata domenica contro il Bologna si porta momentaneamente in seconda posizione in classifica. Un cammino incredibile che a cinque giornate dalla fine porta i nerazzurri in piena corsa per la qualificazione in Champions League, e sarebbe la terza volta di fila. E ancora una volta il capopopolo in casa bergamasca risponde al nome di Luis Muriel.

Il cannoniere colombiano è stato ancora una volta protagonista nella partita contro gli emiliani. È stato lui a innescare Malinovskyi per il gol che ha sbloccato il risultato. Ed è stato sempre lui a trasformare il calcio di rigore che ha consentito alla Dea di raddoppiare, proprio prima della fine del primo tempo. Muriel, dunque, continua a trascinare e a segnalarsi come uno degli attaccanti più forti della Serie A (e non solo).

Muriel come il Fenomeno

Dopo la partita contro il Bologna il colombiano ha aggiornato i suoi dati, portandosi a quota 19 gol e 8 assist. Un ruolino di marcia da campione che dà sempre più ragione a Serse Cosmi. In molti si chiederanno cosa c’entri l’attuale allenatore del Crotone con la definitiva esplosione del bomber atalantino? Era stato proprio lui, quando lo allenò agli esordi a Lecce, a paragonare Muriel a un certo Ronaldo il Fenomeno.

Leggi anche...  La Top10 dei "Millenials" del calcio!

Movenze feline, grande scatto in progressione, senso del gol incredibile e capacità di dominare la partita in maniera quasi silenziosa. Sono queste le quattro caratteristiche che all’epoca dei fatti – poco meno di dieci anni fa – consentirono a Cosmi di tirare fuori questo paragone, molto pesante ma non così lontano dai fatti. E ora la Dea sogna con un Ronaldo cresciuto praticamente in casa.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter