in

Giulia De Lellis e lo stop social per Iannone

Crisi o semplicemente allontanamento social per Giulia De Lellis e il suo fidanzato?

Giulia De Lellis
Fonte immagine: golsip.it

In molti si sono chiesti perché da giorni ormai, Andrea Iannone e Giulia De Lellis non appaiono insieme sui social…aria di crisi tra i due? Non si sa, il motivo potrebbe essere legato al processo che vede il fermo del pilota da un po’ di tempo.

Iannone è indagato per sospetta assunzione di sostanze proibite, con conseguente sospensione decisa dalla Federazione.

Il campione della MotoGp avrebbe chiesto alla fidanzata di non apparire sui social, in quanto proprio le immagini pubblicate su Instagram sarebbero state usate contro di lui per testimoniarne il cambiamento fisico.

A causa di questa “uscita di scena” della coppia, in questi giorni sono sorte molte indiscrezioni su una presunta crisi tra il motociclista e la fashion victim. Quest’ultima ha dichiarato: Mi sto prendendo un po’ di tempo per stare con la mia famiglia, questo è il motivo della mia assenza (…) apro pochissimo il telefono, se non per farvi fare due risate con le mie nipoti, mi sono arrivati due o tre messaggi totalmente fuori luogo, insomma è tutto ok. Sto semplicemente in relax a casa”.

Parole che però non sembrerebbero escludere totalmente un probabile periodo buio per la sua love story.

La relazione è iniziata la scorsa estate,  in seguito alle precedenti relazioni con Belén Rodriguez ed Andrea Damante. Sarebbe ispirato proprio a Damante il libro della romana “Le corna stanno bene su tutto (ma io stavo meglio senza)”,  uno dei best-seller più letti del 2019.

La coppia sembrava aver trovato la giusta armonia, tanto che Giulia De Lellis, ospite a Verissimo aveva dichiarato di attendere la proposta di matrimonio di Iannone e di voler avere dei bambini nel giro di qualche anno.

Restate sintonizzati sui canali Hibet per sapere come andrà a finire!

Maria Caterina Crugliano

Scritto da Maria Caterina Crugliano

Copywriter dell’ironia. I miei genitori devono ancora capire che lavoro faccio. Penso quindi scrivo (e rido).