in

Moise Kean campione di buon cuore: porta da mangiare ai senzatetto di Parigi

Da “Bad Boy” a esempio di bontà e beneficenza, ecco la trasformazione dell’attaccante della nazionale italiana.

moise kean Parigi
Fonte immagine: Instagram

Il giovane attaccante della nazionale italiana e del PSG, Moise Kean, si è trovato diverse volte accostato all’immagine del “Bad Boy”, come già Balottelli prima di lui. Dalle polemiche che si era portato dietro durante la sua presenza all’Everton (complice una festa in casa sua e altri episodi), fino all’esclusione dalla nazionale di Di Biagio per i suoi continui ritardi (insieme a Zaniolo). 

Sul campo il suo dovere l’ha sempre fatto, così come i gol che soprattutto in questa ultima stagione al PSG stanno arrivando con continuità, nonostante sia ancora anagraficamente molto giovane. Ma si sa quanto possa essere labile il confine tra il successo e il crollo, senza un adeguato spessore mentale a far da supporto alle prestazioni di gioco.

Ecco perchè fa particolarmente piacere vedere Kean non solo crescere dal punto di vista sportivo, ma anche (soprattutto) da quello umano. Moise è così apparso in questi giorni in uno dei quartieri periferici di Parigi, a Porte de la Chapelle, dove come in molte altre zone ai margini sono in molti a trovarsi in grave difficoltà, specialmente dopo questo anno di pandemia (che qua non ha certo fatto sconti). 

La visita è stata in effetti proprio a scopo benefico, con l’attaccante del PSG che si è trovato a distribuire pacchetti regalo di cibo, per aiutare diverse persone (anche giovanissime) che si trovano in difficoltà: migranti, senza tetto, tossicodipendenti e quanti altri frequentino il limbo della povertà. 

Leggi anche...  David Cox si ritira a metà partita: “Mi minacciavano e mi spronavano a suicidarmi”

Un gesto che è inevitabilmente finito sui social, questa volta però con un eco finalmente positivo e un coro di approvazione da parte non solo dei tifosi, ma anche di molti suoi colleghi come Drexler, Matuidi, Herrera e tanti altri.  

Il “Bad Boy” è finalmente diventato il “Good Boy”. 

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram