in

Milan, Ibrahimovic: “Ecco perché abbiamo scelto Fonseca e non Conte”

Fonte immagine: Profilo Instagram @iamzlatanibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic presenta Paulo Fonseca come nuovo allenatore del Milan. Lo svedese spiega così la scelta: “Abbiamo studiato bene, abbiamo messo i criteri su cosa cerchiamo e cosa vogliamo. Lo abbiamo scelto per portare la sua identità nei giocatori che abbiamo, per come vogliamo che giochi la squadra, con un gioco dominante e offensivo; con tutto il rispetto per Pioli, volevamo portare qualcosa di nuovo ai giocatori. Abbiamo studiato come allena, come gioca, come prepara le partite. Vogliamo portare qualcosa di nuovo anche a San Siro: dopo 5 anni serviva qualcosa di nuovo. Fonseca è l’uomo giusto”.

Il tecnico portoghese raccoglie l’eredità in rossonero di Stefano Pioli. I confronti tra il Milan e Fonseca sono stati subito fitti: “Quando abbiamo deciso di salutare Pioli, abbiamo valutato e parlato con Fonseca. Ogni giorno parliamo e condividiamo la strategia. Lui ha i suoi desideri. Abbiamo anche un progetto di U23 molto importante per noi: vogliamo collegarla alla Prima Squadra e Fonseca è uno che dà possibilità e responsabilità ai giovani. Se hai un genio come allenatore e una squadra poco forte il miracolo lo fai una volta, forse due… Noi vogliamo mettere l’allenatore nelle condizioni migliori possibili”.

Milan, Ibrahimovic spiega su Conte

Tra i candidati come nuovo allenatore del Milan c’era anche Antonio Conte, ma Ibrahimovic spiega perchè i rossoneri non hanno optato per la pista italiana: “Prima abbiamo studiato il tipo di allenatore e l’approccio nel suo gioco. È uscito Paulo Fonseca e ci abbiamo parlato faccia a faccia; così lo senti, hai un feeling; lui è molto ambizioso, ha tanta voglia di lavorare, di fare bene e di migliorare. Nel Milan c’è un allenatore, non un manager. Con Conte non abbiamo discusso perché i criteri che abbiamo messo noi, con tutto il rispetto per lui, non c’era in lui quello che cercavamo”.

Si parla anche di calciomercato, con il Milan che spinge per Joshua Zirkzee. Ibra conferma le voci sull’olandese, così come la permanenza dei tre top player rossoneri: “Theo e Maignan restano, anche Leao: sono giocatori tra i più forti nei loro ruoli e hanno un contratto con noi, sono felici. Non abbiamo bisogno di vendere. Grazie al lavoro di RedBird possiamo portare giocatori forti per migliorare. L’anno scorso abbiamo messo la base. L’attaccante non è un segreto: vogliamo prenderlo”.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Fonte immagine: Profilo Instagram @iamzlatanibrahimovic

blog hibet