in

Mike Tyson e la sua speciale “cura” con il veleno di rospo

Uno dei più grandi campioni nella storia della Boxe, dopo una vita di eccessi ha forse trovato il suo equilibrio grazie a questa abitudine molto particolare

mike tyson share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @miketyson

Mike Tyson è sicuramente uno dei personaggi più conosciuti del mondo della boxe di tutti i tempi. Non sono solo le sue grandi vittorie a farlo entrare comunque di diritto nella storia di questo sport (un record di 50 vittorie di cui 44 per K.O. e 6 sconfitte, che gli hanno valso il titolo dei massimi nelle categorie WBC, WBA, IBF) ma anche le sue conclamate debacle.

Quel morso all’orecchio di Holyfield sul ring, i continui arresti, l’uso di droghe, la banca rotta. Tutto lo spettro di un grande campione, dall’ascesa alla rovina.

La differenza è che il buon Mike ha saputo ogni volta tirasi in piedi, sul ring come nella vita. Lo abbiamo visto protagonista in tanti film e serie televisive (storica la sua apparizione in “Una notte da Leoni”) e ora che è (forse) arrivata anche l’età della saggezza, prendersi carico anche di se stesso cambiando il suo stile di vita distruttivo.

Ad aiutarlo, secondo le sue stesse parole, un metodo molto strano e non proprio usuale: il veleno di rospo. Parliamoci chiaro, il veleno di rospo non si chiama così per niente, tanto che in certe dosi può realmente essere letale anche per l’uomo.

Leggi anche...  Le lottatrici più belle: la Top 9 femminile MMA

Ma evidentemente Tyson è riuscito a trovare l’equilibrio giusto e stando alle sue parole, grazie a questo veleno (in piccolissime dosi) riesce a concentrarsi meglio ed essere più creativo. Dice anche di averne fatto uso già una cinquantina di volte, fin da quando soffriva di dipendenze di altro tipo, tanto che proprio per il veleno di rospo aveva rischiato di morire già un’altra volta.  Ma proprio grazie a quell’esperienza, è cambiato e si è rimesso in forma (perdendo quasi quaranta chili) e ora potrà utilizzarlo tutte le volte che vuole visto che creato lui stesso un allevamento di rospi nel suo ranch in California (di “Bufo Alvarius” meglio conosciuto come Rospo del Deserto di Sonora).

Quello che è certo è che a 55 anni suonati, Tyson può ora affrontare una parte della sua vita senza l’assillo di dover dimostrare qualcosa, con un appeal ancora molto forte (tanto che è stato recentemente richiamato sul ring) e un futuro più roseo (fatto anche di qualche cammeo cinematografico). E naturalmente, in compagnia dei suoi amati rospi. Ora dovrà solo stare attento a non abusarne. E ovviamente vale più che mai il detto: “Don’t try this at home”!

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @miketyson