in

La Haas dà un taglio al passato: arriva Schumacker junior?

haas_formula_1_mick_Tag: in evidenza, Haas F1, Mick Schumacher, figlio Schumacher
Fonte immagine: Wikipedia Commons

Una vera e propria rivoluzione sta prendendo atto in casa Haas. Non appena finirà l’attuale stagione di Formula 1, che per il momento non sta portando grosse gioie alla scuderia americana, si concluderanno i rapporti di lavoro con i due piloti titolari. Kevin Magnussen e Romain Grosjean, infatti, lasceranno il team e stelle e strisce, al termine di un periodo di convivenza che non è stato particolarmente brillante e foriero di gioie.

Il pilota francese era arrivato con grandi aspettative, dopo alcune buone stagioni alla guida della Lotus Renault. Tuttavia le attese e la ambizioni sono state tradite nella quasi totalità delle gare disputate dal transalpino, incapace di imporre la sua personalità e le sue abilità alla guida. Ancora peggio è andata con Magnussen, arrivato dopo il difficile debutto alla guida di una McLaren davvero complicata da tenere in strada.

Tocca a Mick?

In ogni caso, sia Magnussen che Grosjean lasceranno la scuderia americana in vista della stagione 2021. Difficilmente i due troveranno un sedile in vista della nuova annata, ma questo non è più affare di casa Haas. Intanto i vertici del team stanno valutando un paio di soluzioni, tra cui quella che riguarderebbe Mick Schumacher. Il figlio di Michael si sta giocando il titolo della Gp2 e ha dovuto rinviare il suo debutto alla guida di una monoposto “maggiore”.

L’annullamento delle prove libere nel gran premio del Nurburgring ha di fatto negato questo sogno a Mick, che però troverà a breve un’altra occasione. Nel frattempo, sono lui e Mazepin i principali candidati a occupare almeno uno dei due sedili in casa Haas. Tuttavia esiste una probabilità molto alta che entrambi troveranno posto nella scuderia a stelle e strisce come piloti titolari.

Sarà l’inizio del grande sogno di Mick?

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Wikipedia Commons

Francesco Cammuca