in

Michela Persico non è molto orientata verso le WAGS.

La compagna di Rugani ne frequenta poche.

michela persico share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @michelapersico

Michela Persico si scaglia contro l’utilizzo e l’esistenza del termine WAGS: “Non è che non mi piace, in realtà è un acronimo di essere la fidanzata di uno sportivo famoso: è fastidioso per come viene concepito e sminuito il termine. Perché dietro una moglie c’è una donna, non è che dopo essere la moglie di è finita la tua identità”.

Al di là di questo, la modella, giornalista e compagna di Daniele Rugani ha affermato anche di non frequentare molto le cosiddette WAGS: “Frequento poche wags, vado d’accortissimo con la ragazza di Pinsoglio: anche con quella di De Sciglio, siamo un bel rapporto. Georgina? Io l’anno scorso ho girato il mondo tra Francia e Cagliari e non c’ero: lei ha una vita un po’ particolare, non c’è stata grande occasione. Ma c’è stima reciproca, almeno spero”.

Bella, raggiante e impegnata, Michela Persico riflette sull’uso di questa terminologia che spesso non fa pensare che dietro l’essere la moglie “di”, c’è anche l’essere una madre, una cuoca, una casalinga, un’imprenditrice, una psicologa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Michela Persico (@michelapersico)

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio e vedere qualche protagonista in diretta.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @michelapersico