in

Perchè McGregor non rappresenta più la Mma

Fonte immagine. Wikipedia Commons

Dopo l’ennesimo episodio, di cui ci ha reso conto per prima la stampa francese, possiamo dire chiaramente che la misura è ormai colma. Conor McGregor ne ha combinata un’altra delle sue, e per giunta in una circostanza in cui avrebbe potuto fare davvero molto di più per ripulire – seppur parzialmente – la sua immagine. L’episodio di tentata violenza sessuale avvenuto in Corsica, mentre si trovava in vacanza, non fa altro che rovinare quanto di buono abbia fatto sul ring.

Il fighter di origini irlandesi si trovava sull’isola a metà tra Sardegna e Costa Azzurra per una iniziativa benefica. Tuttavia, è riuscito a farsi notare per qualcosa che davvero ben poco ha a che fare con la beneficenza e con le azioni a fin di bene. E la cosa che rende il tutto ancor più grave, è il fatto di accostare Conor McGregor con la Mma e con la Ufc, rispettivamente la disciplina e la federazione che rappresenta quando c’è da lottare.

McGregor, senza girarci troppo intorno, sempre più spesso riesce a disonorare questo sport, composto soprattutto da uomini veri che onorano ring, avversari e pubblico. Per la seconda volta è stato beccato a tentare di abusare sessualmente di una donna, a dispetto anche di una famiglia che lo supporta in tutto e per tutto. Ma è ancor più duro da digerire il male che Conor fa alla disciplina e a tutta la famiglia della lotta.

Proprio in un periodo in cui si sta tentando di demonizzare le arti marziali, per via della vicenda di Colleferro, un episodio del genere non ci voleva. Ma è giusto tenere in mente una cosa, un concetto che vale a livello universale: nessuno tocchi la Mma per colpa di Conor McGregor.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello sport cliccate QUI.

Fonte immagine. Wikipedia Commons

Francesco Cammuca

Sommario
Perchè McGregor non rappresenta più la Mma
Titolo
Perchè McGregor non rappresenta più la Mma
Descrizione
L’episodio di violenza in Corsica non ha fatto altro che rovinare ulteriormente l’immagine di Conor McGregor disonorando la figura della Mma e Ufc.
Autore