in

Mazepin, frecciata a Schumacher: “La Ferrari Academy lo aiuta”

Il russo trova una spiegazione all’inizio terribile

Mazepin Schumacher Ferrari Academy
Fonte immagine: Twitter

 

L’inizio della stagione 2021 di Formula 1 ha già regalato i primi segnali e ha stabilito le prime gerarchie. Soprattutto tra le monoposto meno nobili che si stanno giocando le posizioni alle spalle della zona punti. Tra queste c’è la Haas, che trova al volante il tandem esordiente composto da Nikita Mazepin e Mick Schumacher. La curiosità è soprattutto per quest’ultimo, il figlio del grande Michael che sta imparando e crescendo gara dopo gara.

 

Il pilota tedesco sta facendo un po’ di fatica, ma ha anche espresso un po’ di dubbi per quella che è la situazione nella coda del gruppo. Mick, infatti, non avverte molta competizione tra i team più “poveri” che si contendono le ultime posizioni della griglia. Ma a questo sfogo, che è difficile da considerare come una provocazione, ha voluto rispondere il suo compagno di box con alcune dichiarazioni a dir poco piccate.

L’attacco di Nikita

Mazepin, nel corso di un’intervista rilasciata per l’emittente russa Match TV, ha fatto capire che ci sono alcune difficoltà in vista del Gran Premio del Portogallo di domenica prossima: “La mia preparazione in vista di Portimao non sarà facile: non abbiamo un simulatore in Haas e dunque dobbiamo usare quelli che la maggior parte dei piloti professionisti hanno a casa. Al contrario, forse, Mick avrà il permesso di usare il simulatore della Ferrari: facendo parte della loro Academy, avrà a disposizione vantaggi sconosciuti per me”.

 

Leggi anche...  F1 che passione: Hamilton non vuole andare via.

 

Dunque Mick Schumacher sarebbe avvantaggiato secondo Mazepin, che durante l’intervista rincara la dose: “La F1 è sorprendentemente intensa per me. Ovviamente lo immaginavo, anche se non mi aspettavo qualifiche così frenetiche. Tutti ti guardano e ogni passo falso ha le sue conseguenze. Ma quando abbasso la visiera, penso solo a correre. È molto importante continuare ad imparare. Sono abbastanza sicuro che sarò almeno qualche anno in questo paddock. Non inizierò a farmi prendere dal panico”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter