in ,

Perché sempre io?

Samet Abaya, allenatore dell'Adana Demirspor, ha perso la panchina per aver messo in panchina Mario Balotelli.
Fonte immagine: *Profilo Instagram di Mario Balotelli.

Almeno in Turchia essere Mario Balotelli conta ancora qualcosa… In Italia abbiamo già dato, a più riprese.

Ma la, all’Adana Demirspor, se viene sostituito ed impreca contro l’allenatore, viene cacciato l’allenatore. Samet Abaya, infatti, ha perso la panchina per aver messo in panchina Mario, che, nel dubbio, ha fatto una sceneggiata da partitella di calcetto del giovedì tra scapoli e ammogliati. Guardatevi il video della reazione e capirete tutto.

Ci aveva provato il Mister a dire quello che andava detto: “Dopo ogni partita valutiamo ciò che succede e decidiamo. Ogni squadra di professionisti ha un codice disciplinare e vedremo di agire di conseguenza se servirà”.

Non è servito, perché gli hanno dato il benservito… La società turca ha puntato su Balotelli, facendogli un contratto importante e se lui si lamenta, per ora, ha ragione lui. Per ora, appunto, perché tra un po’ si accorgeranno che non ha ragione, ce l’ha chi vuole che si impegni in campo e faccia vita regolare fuori.

Leggi anche...  30 anni di Mario Balotelli: in Turchia l’ultima chance?

E quel giorno si rescinderà il contratto e si chiederà scusa a tutti per l’errore commesso. Un film già visto, di cui non è interprete un ventenne, ma un trentunenne, che costa tanto, rende poco e, spesso, crea problemi.

Mario ha avuto successo, donne e soldi, ma è stato infinitamente meno forte di quanto avrebbe potuto essere.

Why always me?” si domandava, “Perché sempre io?” Ecco, noi la risposta l’abbiamo trovata senza fatica. Lui?

Per altri editoriali di Jack Bonora, cliccate QUI.

Fonte immagine: *Profilo Instagram di Mario Balotelli.

Sommario
Perché sempre io?
Titolo
Perché sempre io?
Descrizione
Samet Abaya, allenatore dell'Adana Demirspor, ha perso la panchina per aver messo in panchina Mario Balotelli.
Autore