in

Marcell Jacobs: “Ora voglio il bis alle Olimpiadi”

Fonte immagine: Profilo Instagram @crazylongjumper

Marcell Jacobs è ancora una volta il campione d’Europa dei 100 metri piani. Il detentore della medaglia d’oro alle Olimpiadi sfodera grande gioia e grande orgoglio: “Avevo detto che l’obiettivo era vincere l’Europeo in casa, davanti al mio pubblico. Agli 80 metri ho iniziato a sentire crampi al polpaccio e non sono riuscito a spingere come avrei voluto, ma sono contento. Ora continuiamo a lavorare. Questa è l’Italia più forte di sempre: con Ali ci giochiamo il futuro. Sono tutti determinati, puntano a vincere, non a partecipare”.

La medaglia d’oro continentale arrivata a Roma è il frutto di un grande lavoro. E non sono mancate le preoccupazione dopo i problemi fisici emersi dopo la semifinale: “Era la prima volta che facevo due gare ravvicinate… Ho sentito, agli 80 metri, il polpaccio che si chiudeva un pochino. Mi aspettavo di fare un tempo migliore, ma l’importante era il titolo. Arrivavo da Campione d’Europa ed era importante riconfermarsi. Ora ci saranno altre gare, c’è da lavorare per preparare i Giochi, ma sono felice di questo risultato”.

Marcell Jacobs punta Parigi 2024

Dopo l’Europeo di Roma, ora Marcell Jacobs vuole le Olimpiadi. Intanto, però, applaude il suo connazionale Chituru Ali: “Ho stravolto tutto ed è normale che ci voglia tempo per sistemare tutte le cose. Ho avuto sensazioni buone in partenza, si poteva fare meglio, ma si può solo migliorare. Se fosse stato tutto perfetto qui mi sarei preoccupato. Qui ho il gigante e sono contento per lui, se la merita questa medaglia. Ho cercato di mandargli dei messaggi positivi già dai Mondiali indoor. Lui voleva l’oro, ma lo volevo anch’io, ci giocheremo il futuro insieme. È una grande squadra”.

Dopo aver battuto il connazionale, ora la testa va subito ai Giochi Olimpici di Parigi 2024. Un bis tutto d’oro alle Olimpiadi è l’obiettivo per chiudere un cerchio meraviglioso: “Quest’anno ho fissato tre obiettivi: rimanere in salute, vincere l’Europeo e vincere l’Olimpiade. Non c’è due senza tre. Mi considero sempre il favorito per le prossime Olimpiadi. L’avversario da battere a Parigi è sempre me stesso, quando riuscirò a lasciarmi andare allora potrò correre veramente”.

Fonte immagine: Profilo Instagram @crazylongjumper

blog hibet