in

Marcell Jacobs: “Altro che doping, lavoro duramente”

Parla il campione olimpico

jacobs share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @crazylongjumper

Marcell Jacobs riparte dalla sua ultima gara, quella della medaglia d’oro agli Europei indoor. Una vittoria nei 60 metri che gli è costata tanta fatica: “È stata la vittoria più difficile. Venivo da un’annata super, in cui mi era andato tutto bene. In molti avevano sollevato mille dubbi: sarà deconcentrato, non avrà più fame… Tanti non conoscono l’atletica, pensano che si possa vincere l’Olimpiade così, con una botta di culo. Dovevo far capire che Tokyo non è stata un caso. È il frutto del lavoro di una squadra, di una vita”.

Proprio questa finale vinta lo ha costretto a fronteggiare tante difficoltà. Come il grande sconfitto, il britannico Christian Coleman: “La finale mondiale dei 60 metri indoor può essere durissima, e non solo perché alla fine vai a sbattere a 50 all’ora contro un materasso. Avevo contro Christian Coleman: campione del mondo e recordman in carica, che era stato sospeso e quindi doveva riguadagnarsi tutti i contratti”.

Jacobs e il doping

Marcell Jacobs arriva dal salto in lungo. Una disciplina che ha deciso di mollare per ovvi motivi: “Ogni salto era una fitta alle ginocchia: cartilagine usurata, continue infiltrazioni di acido ialuronico. Nel 2019 però mi sento finalmente in forma. Europei indoor di Glasgow. Primo salto: lungo, ma nullo. Secondo salto: lunghissimo, ma nullo. Se sbaglio anche il terzo sono fuori. Mi cede la gamba, faccio un saltino. Paolo si mette a piangere; io vorrei, ma non ci riesco”.

Si è parlato anche delle accuse di doping ricevute dopo le Olimpiadi. Marcell ci passa sopra con disinvoltura: “Non mi hanno toccato per nulla. Sono state messe in giro da persone che non conoscono l’atletica, e non conoscono me. Gente che non sa nulla degli anni bui, delle sofferenze, di tutte le cose che le ho raccontato. Per loro un italiano non poteva vincere l’oro nei 100. Ma io lo so quanto ci ho messo”.

La testa va solamente alle gare.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @crazylongjumper