in

Mancini sostiene Immobile: “Segnerai i gol decisivi”

mancini_immobile_italia_olanda_
Fonte immagine: Flickr

Si è parlato tanto di Ciro Immobile in queste ore. E una volta tanto, non si parla di lui in maniera lusinghiera e del fatto che sia, allo stato attuale, il centravanti italiano più prolifico in circolazione. Tuttavia, quel Ciro il terribile capace di gonfiare per 36 volte le reti avversarie nella scorsa stagione, è parso il lontano parente di quello visto in campo mercoledì a Bergamo. La partita in questione è quella tra Italia e Olanda.

Sono in particolare due le reti che Immobile avrebbe potuto tranquillamente mettere a segno. Una nel primo tempo e l’altra, forse ancor più clamorosa, nella ripresa. Motivo per cui è stato scatenato un autentico vespaio di polemiche attorno al centravanti della Lazio, capro espiatorio di una Nazionale che fatica a trovare la via del gol. E non sono mancate nemmeno le prese di posizione degli addetti ai lavori in favore di Ciro.

In primis quella di Alessandro Florenzi, il quale ha parlato addirittura del fatto che “Immobile dovrebbe essere considerato un eroe, invece ciò che ha fatto in queste stagioni è considerato normale”. Ma anche Roberto Mancini ha voluto prendere le difese di uno dei centravanti a sua disposizione. Al Ct azzurro è bastato scrivere un breve tweet, per far capire quanto sia alta la sua fiducia nei confronti del bomber laziale.

Segnerai i gol decisivi contro la Polonia e questo vale per tutti i nostri attaccanti. Forza Italia”, ha scritto Mancini in un post che non ha bisogno di tante interpretazioni. Dunque l’Italia e Mancini ripartono da Immobile. Con la speranza che cotanta fiducia venga ripagata.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Flickr

Francesco Cammuca

Sommario
Mancini sostiene Immobile: “Segnerai i gol decisivi”
Titolo
Mancini sostiene Immobile: “Segnerai i gol decisivi”
Descrizione
Roberto Mancini non si lascia prendere dalle chiacchiere di queste ore e mostra vicinanza a Ciro Immobile dopo i due gol sbagliati clamorosamente con l’Olanda.
Autore