in

Milano-Cortina: i loghi delle Olimpiadi fanno discutere.

Messe al voto le due proposte: quello che vincerà il sondaggio sarà il logo ufficiale.

milano_cortina_2026_olimpiadi
Fonte immagine: Instagram

In occasione delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina, sono stati realizzati due differenti opzioni di logo da Landor, una società appartenente alla multinazionale inglese Wpp.

Il primo logo è stato etichettato con il termine “Futura”, mentre il secondo con “Cubo”: solo uno dei due diventerà il logo ufficiale, ma sta volta la scelta non ricade sulla stessa azienda che a quanto pare, non sapendo decidere, ha scelto di selezionare il logo vincente attraverso un sondaggio online.

Questa, anche per i professionisti del settore è stata considerata come una caduta di stile, assolutamente poco professionale, nessuno si sognerebbe mai di lasciar scegliere agli altri quando si tratta di essere efficienti e precisi nel proprio lavoro.

Già i due loghi di per sé, avevano portato non poco scompiglio perché ritenuti troppo semplici e banali e sono stati giudicati come dei lavori molto brutti e anche realizzati con superficialità; alcuni li hanno descritti anche come simili a delle bozze di possibili lavori da sviluppare e in più a questo si aggiunge l’incapacità di scegliere.

Tuttavia, le votazioni procedono, ma con la consapevolezza che si tratta di creatività di basso livello.

Mancanza di estetica, ma anche di significato.

Il problema però non sembra essere solo quello estetico, ma anche e soprattutto quello della mancanza di significato, che non facilita assolutamente l’immediata comprensione e non consente di percepire alcuna emozione.

Secondo Francesco Improta, head of design del gruppo Citynews, intervistato da Milanotoday.it, entrambi i loghi mostrano molte imperfezioni:“In Futura c’è più equilibrio tra le forme: il 26, sebbene poco leggibile, è proporzionato come dimensione alla scritta Milano-Cortina che però ha un font troppo particolare. In questo caso ci sono troppi stili diversi. Oltre a questo il tratto che compone il numero 26 non sembra uniforme: pare ci sia una parte più larga e una più stretta. Nell’altro logo il designer ha cercato più un’idea, ma l’ha sviluppata in maniera molto basica; anche il font per la dicitura Milano-Cortina sembra poco leggibile e poco utilizzabile per il merchandising.”

Chissà quale vincerà!

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram, Instagram

Sommario
Milano-Cortina: i loghi delle Olimpiadi fanno discutere.
Titolo
Milano-Cortina: i loghi delle Olimpiadi fanno discutere.
Descrizione
I due loghi per le Olimpiadi Milano-Cortina sono stati sottoposti a votazione online, il vincente sarà il logo ufficiale, anche se non piace a nessuno!
Autore