in

Lancio del peso: il caso Madam e i commenti di Malagò

La cittadinanza della campionessa di lancio del peso Danielle Madam e il commento di Malagò
Fonte immagine: *Danielle Federique Madame

La 23enne Danielle Madam ha vinto 5 volte i campionati italiani di lancio del peso ma non può ancora avere la cittadinanza italiana e nonostante abbia trascorso 16 anni nel nostro Paese.

“Ho sempre sperato di poter indossare la maglia azzurra e per quella avrei dato veramente tutto”.

Sono queste le parole dell’atleta estratte da un lungo post su Facebook in cui cita anche il caso Suarez.

Ci sono extracomunitari di serie A (in tutti i sensi) ed extracomunitari di serie B. Ci sono tanti giovani che come me hanno passato la più parte della loro vita qui, studiano o lavorano ma sono fantasmi per lo stato”.

La campionessa lavora e studia, infatti sta per laurearsi in Scienze della Comunicazione ma potrà diventare una cittadina italiana a tutti gli effetti non prima del 2030.

Danielle ha la residenza italiana, ottenuta andando a vivere dallo zio e deve rinnovare ogni due anni il suo permesso di soggiorno.

La Madam partecipa ai campionati italiani di lancio del peso ma non può vestire la maglia azzurra in Nazionale. Sì, è un paradosso.

L’iter burocratico per l’ottenimento della cittadinanza è lungo ben 10 anni e lo Stato può avvalersi di altri quattro anni per rilasciarla. Il nocciolo della questione quindi si sposterebbe dallo sport in senso stretto per abbracciare un discorso ben più ampio.

Anche il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha commentato la vicenda intervenendo su Twitter: “Qui non contano le idee o le simpatie politiche, questa è una pura vergogna, non solo per lo sport, ma per il Paese! Quanto piace poi agli italiani festeggiare quando si vincono medaglie con atlete e atleti come Danielle che difendono i nostri colori”.

La ragazza, intervistata da la Repubblica, ha dichiarato “Non mi sento camerunense, ma italiana. E pavese”.

E sulla bufera mediatica che sta animando la cronaca in questi giorni: “A Suarez gli direi che la cittadinanza non è semplicemente un pezzo di carta” ha spiegato a Repubblica, “è qualcosa di più. Qualcosa che si sente nel cuore”.

A proposito della vicenda Suarez, leggi anche:IL CASO SUAREZ: CHE COLPE HA LA JUVENTUS?

Fonte immagine: *Danielle Federique Madam