in

La storia di Maignan: “Portiere per scommessa, non avverto pressioni”

Il numero 16 del Milan parla anche del rapporto con Ibra

maignan share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @mikemaignan.16

Mike Maignan ha parlato delle tante difficoltà che si affrontano in un ruolo come il suo. Quello del portiere è un ruolo complicato da gestire, soprattutto dal punto di vista psicologico: “Quello del portiere è un ruolo difficile, in cui si è soli. Devi fare un lavoro molto preciso, per cui serve una mentalità e una personalità molto forte, perché spesso il portiere è l’uomo più importante della squadra. Da piccolo volevo fare il centrocampista o l’attaccante, insomma il giocatore di movimento”.

Nel corso di una lunga intervista rilasciata per Dazn, il portierone del Milan ha anche svelato il momento in cui ha deciso di intraprendere questa strada. Un momento che difficilmente dimenticherà: “Sono diventato portiere perché ho perso una scommessa con un mio allenatore, Romain Damiano. Dovevo andare a fare il test a Clairefontaine, e mi ha detto che se fossi arrivato all’ultimo step mi avrebbe confermato portiere. E così è stato”.

Maignan e il confronto con Donnarumma

Durante l’intervista Maignan ha parlato anche del suo passato e del suo presente. In primis del rapporto con Zlatan Ibrahimovic, avviato ai tempi del PSG: “Mi ricordo il primo anno in prima squadra a Parigi. Durante un allenamento, facciamo un lavoro sulle conclusioni degli attaccanti. Tutti sapevamo quanto Ibra calciasse forte. Ha calciato una palla molto forte, da dentro l’area, per cercare di sfidarmi. L’ho parata. A fine allenamento, dentro lo spogliatoio, mi ha detto che gli piaceva la mia mentalità, e di continuare così”.

E poi c’è Gigio Donnarumma, l’uomo che gli ha lasciato la porta del Milan. Maignan fa capire di non aver avvertito la pressione legata a questa eredità: “L’anno scorso non ho sentito la pressione, anche se inevitabilmente ho visto che la gente ha fatto molti paragoni tra me e Donnarumma. A me però questo non cambia niente. Prima di ogni partita io mi isolo, perché fuori la gente parla troppo e io non voglio sentire su di me la loro pressione”.

Il Milan può di certo fare affidamento su un grande portiere.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @mikemaignan.16